8 Comments

  1. Ma gnueconomy serve a diffondere notizie o a portare visitatori sul proprio blog con pubblicità gratuita?

  2. Mi spiace tu la intenda così… io rimandavo da me con l’accortezza di non prendere troppo spazio su gnu. Era l’una e mezza… Gianluca è un amico… le cavallette. Non sono un esperto di etichetta blog ma non pensavo di essere maleducato. inoltre mi sfugge il “vantaggio” di traghettare i visitatori. Cmq se ho sbagliato (aspetto risposta in merito da Gianluca) mi scuso, con lui e con quanti siano caduti nella mia “trappola”.

  3. Il film è assolutamente di una squisitezza e di un’originalità che mi ha indotto a rivederlo per la seconda volta. I manga e un pò di trash giapponese non guastano anzi contraddistinguono e caratterizzano il film immerso in una colonna sonora da oscar.

  4. KILL BILL UN?AUTENTICO CAPOLAVORO IN STILE TARANTINO. DOVE TUTTO , XGIOCO O SERIETà SI TRASFORMA DIN DIVERTENTE SPLATTER RIKKISSIMO DI CARISMA E STILE.
    NEL FIL SONO ANKE PRESENTI CENTINAIA TOKKI D CLASSE DEGLI DI GRANDISSIMI REGISTI…
    UN CAPITOLO A PARTE SI APRE PARLANDO DELLA MUSICA. DI OPEROSA COMPOSIZIONE ACCOMPAGNIA PIENAMENTE LE SCENE DIPINTE DA SITUAZIONI SURREALI. BEH è UN FIL KE PIACERà SICURAMENTE A TUTTI GLI APPASSIONATI D TARANTINO. E KE VERRà APPREZZATO A KI SI AVVICINA AL CINEMA D’AUTORE!!!… BEH NN PERDETEVELO!

  5. il film è il frutto della depravazione di un malato sessuale com’è Tarantino. L’idea della donna che massacra il maschio (nella realtà donne così non esistono nè esisteranno mai) ha compiaciuto chi è legato all’idea del sesso quale masochismo e dolore..che tristezza, il film è assurdo e molto disgustoso, ridere di certe scene è immorale, c’è un limite a ogni cosa..non andrò mai a vedere la seconda parte

  6. Il film è stato molto bello la miscela tra musica e immagini, il richiamo dei manga e ovviamente l’omaggio fatto a “Sergio Leone”, anche nel tipo di inquadratura, è stato molto bello. L’unica cosa che mi faceva troppo sorridere erano le fontanelle di sangue ma forse erano parte del gioco.

Rispondi