Siae, baciamo le mani

QUANDO IL PIZZO SI PAGA AD UNA COSCA NAZIONALE

Pizzo. Per quanto siciliano e dunque abbastanza esposto diciamo così al rischio-pizzo locale, io ho il privilegio di poter pagare il pizzo direttamente a una cosca nazionale. La cosca si chiama Siae, e pochi mesi fa ha deciso che tutti coloro che masterizzano cd, qualunque cosa masterizzino, debbono pagarle un tanto per la sua benevola protezione. Io non masterizzo musica né film né testi comunque sottoposti alla Siae: ogni tanto, semplicemente, faccio un cd dei miei lavori per regalarlo ai miei amici. Su ciascuno di essi debbo scucire un paio d’euri alla Siae, che ha messo una tangente a monte, direttamente sui cd vuoti. Uno di queste notti, penso, andrò con un grimaldello alla sede della Siae e mi riporterò via i miei soldi: mi par di capire infatti che l’uso dei grimaldelli, almeno in questo settore, ormai sia del tutto legalizzato.

• • Civiltà 1. Il comune di Delia, un piccolo paesino nei dintorni di Enna, ha già messo nel suo statuto il diritto di voto e di elezione per gli immigrati. È il primo in tutta Italia.

Civiltà 2. Il piccolo Alì, sotto i bombardamenti, ha perso le braccia, i genitori e quattordici parenti. I bombardatori lo portano in tv, gli fanno un sacco di moine, gli regalano dei giocattoli e alla fine anche un paio di braccia elettriche ultimo modello. Saddam almeno fucilava e basta.

Automobile. Su 100 litri di benzina il motore ne disperde 60 in calore e 40 per muovere l’auto. Di questi ultimi, 35 servono a muovere l’auto (1000 chili) e 5 a portare un paio di passeggeri. Su 100 litri dunque ne utilizziamo effettivamente solo 5. La velocità media in città (semafori, ingorghi, parcheggi, ecc.) è di 8-10 chilometri all’ora; a piedi è di circa 6 chilometri all’ora. La usiamo 2 ore su 24, ma occupa spazio per tutto il giorno, e anche l’assicurazione vuole i soldi per tutto il giorno. Ci costa in media 3 stipendi l’anno: ogni quattro anni di vita ne lavoriamo uno per pagare industriali, petrolieri, assicuratori e Stato. Senza contare gli incidenti, l’inquinamento e, indirettamente, le guerre. (Alessandro Paganini)

Pulizia. Bangkok. Comincia oggi la riunione dell’Apec, uno dei vari organismi internazionali per la “cooperazione economica” globalizzata. È un mese che le autorità thailandesi “fanno pulizia” in città per garantirsi una buona figura con gli illustri ospiti asiatici e americani. “Deportare i mendicanti, rinchiudere le prostitute, chiudere nei manicomi tutti i matti e i barboni”, ha ordinato il primo ministro. E il sindaco della città: “Niente scuse per i vagabondi”. Per i più fortunati è previsto l’invio coatto in campi di addestramento militare. Per gli altri, non si sa.


America. Sempre più rari i permessi d’ingresso temporaneo (gli “H1”) che fino a pochi anni fa venivano generosamente distribuiti fra i giovani ingegneri elettronici asiatici che Microsoft, Adobe, Intel e compagnia bella adescavano nei paesi di provenienza già prima della laurea. Photoshop, per esempio, una decina di anni fa (release 2.0) alla schermata iniziale mostrava i rispettabili nomi – tutti rigorosamente Wasp – dei signori Knoll, Guttman, Hamburg e Brown, autori del programma. Adesso che uso la 5.5 (io uso sempre versioni vecchie) i nomi dei programmatori nei credits sono già trentuno: fra cui una Akiko e un Yoko (giapponesi), un Georgiev (ucraino o russo), un Narayanan (indiano), una Kong (cinese) e altri “aliens” ancora. Che non è detto abbiano preso tutti la cittadinanza americana: almeno per i primi anni, lavorano con contratti a tempo limitato (a volte anche molto ricchi), e visti d’ingresso limitati nel tempo: gli “H1” di cui dicevamo prima.
Per un Narayanan o una Kong che arrivano alla schermata iniziale di Photoshop ce ne sono decine di migliaia che restano nella fanteria dei softwaristi, ignoti al pubblico e tuttavia indispensabili al sistema. Il vero cuore dell’economy è esattamente qui; McDonald è molto più a valle. Globalizzazione significa, in questo caso, che le risorse intellettuali del pianeta vengono drenate a monte e convogliate verso alcuni punti specifici del sistema. Non è detto che, in sé, sia sempre un male: può darsi che Narayanan, restando in India, avrebbe finito per lavorare a qualche software di guida dei missili nucleari. E può darsi che avrebbe lavorato invece a qualche programma di cyberalfabetizzazione di massa sul posto, tipo il “Simputer” sviluppato proprio in India. Non lo sapremo mai. In questo caso specifico, i talenti di Narayanan sono stati impiegati in un prodotto “pacifico” e “utile” (un tool professionale per illustratori, non un Carmaggedon o che so io): ma anche questo è, sostanzialmente, casuale. Per arrivare a questo esito, per inserire cioè nel cuore del sistema produttivo (civile e non solo militare) occidentale risorse umane provenienti da paesi come l’India, sono state necessarie diverse cose. Un keynesianesimo che ha fatto da volano strategico delle risorse. Un rooseveltismo che ha fornito un quadro culturale su base planetaria e non grettamente nazionale. Un clintonianesimo (ma uso questa parola in termini molto ampi: comincia con Bob Dylan e Steve Jobs, e termina con Al Gore) che ha fornito il background ideologico (“rock più tecnologie”) per interagire con le elites del Terzo Mondo. Tutt’e tre queste cose sono più o meno arrivate al termine del loro ciclo, o ci stanno arrivando ora. La maggior parte dei programmatori indiani dei prossimi anni tenderanno a rimanere in India: l’America ha meno possibilità materiali di assorbirli, e soprattutto meno capacità culturali. Vedremo cosa faranno restando a casa loro: dove, già oggi, l’India ha una delle massime concentrazioni di programmatori elettronici esistenti al mondo. Altro che scontro di civiltà: qua si decide chi arriva a inventare prima le altre venticinque lettere dell’alfabeto.

Cronaca. Bologna. Chiesti cinque euri per una pagnotta da mezzo chilo.

Cronaca. Savona. Anziano generale in pensione bloccato mentre, con la fida pistola d’ordinanza, aspettava sotto casa il nipote ventenne, gay, che aveva appena annunciato la propria decisione di andarserne a vivere con un amico. La polizia, avvisata dalla figlia, ha disarmato e accompagnato a casa il generale.

Cronaca. Rho (Milano). Incriminato per favoreggiamento del traffico di droga il preside del “Majorana“. I ragazzi dello scientifico, a quanto pare, si facevano qualche canna nei gabinetti. Proteste di professori e studenti, soddisfazione degli (ormai intoccabili) operatori di Cosa Nostra.

Cronaca. Catania. Come ogni anno, provoca vittime l’arrivo delle piogge autunnali. In questo caso, una ragazza in motorino sorpresa da un’ondata di fango e d’acqua piovana. Malgoverno urbanistico, pessime condizioni di acquedotto e canale di gronda, disinteresse assoluto per lo stato delle strade. Il primo pezzo di cronaca su un caso del genere l’ho scritto là, se ben ricordo, nell’80. Anche in quel caso si trattava di un ragazzo in motorino, assassinato alle prime piogge da un fosso lasciato aperto dal comune.

Spot. Fino ai primi di novembre, alle spalle del Duomo, vi aspettano le associazioni e organizzazioni che hanno realizzato le mobilitazioni per la pace a Milano: Acea, Acli, Arci, Cgil, Cisl, Chico Mendes, Emergency, Legambiente, Manitese, Pax Christi, Rosa Bianca, Centro Helder Camara, Mag2. Si parla di cooperazione internazionale, ambiente e sviluppo sostenibile, economia e globalizzazione, nuovi stili di vita e nuovi comportamenti nei consumi: ogni paio di giorni, un argomento diverso. Poi mostre sui vari argomenti, presentazioni di libri, prodotti di commercio equo e solidale, e libri con lo sconto; in più, i banchetti per il Social Forum Europeo di Parigi, per il Cop9 (la riunione dei grandi sull’ambiente a Milano in dicembre) e per l’Iraq.
Info: aceaequo@consumietici.it

ros1977@virgilio.it wrote:
<“I tipi come me vengono indicati come quelli che credono che ci sia sempre qualcosa sotto, ma coincidenze e cose poco chiare nel blackout ce ne sono molte. Innanzitutto penso alle analogie con quello che è successo in America e in Gran Bretagna. Capisco blackout circoscritti, ma questi non sono proprio il caso. Esperimenti? E cosa è successo? Guasti in contemporanea tra Svizzera e Francia. E dopo tutto questo trambusto si inizia a parlare di nuove centrali e si inizia a colpevolizzare i comuni che si oppongono. Dopo un blackout e il bombardamento mediatico mi chiedo cosa avessero risposto le persone se gli avessero proposto il giorno dopo una nuova centrale nucleare…”. >

Roberto wrote:
<“Leggo quello che hai scritto sul ragazzo malmenato da “ultras” laziali. L’unica cosa che hai scritto di vero in poche righe riguarda la sentenza della magistratura. Sono di Roma, sono laziale, non conosco quei ragazzi, ma so per certo che il giovane non è stato colpito in quanto “nero”, ma per “normali” liti metropolitane, e che non è stato in coma”. >

giovapuglisi@libero.it wrote:
<“L’Istat ci ha spiegato che l’inflazione reale nel nostro paese è solo al 2,8 per cento, mentre l’inflazione percepita dai cittadini è al 6 per cento. Io, in realtà, più semplicemente “percepisco” che il mio stipendio è rimasto più o meno eguale e invece tutto ciò che costava mille lire ora costa un euro, quasi il doppio!!! È solo una questione di percezione… gli italiani e l’Istat la “percepiscono” in maniera differente”. >

Viviana wrote:
<“Toni Renis vuole una parte nel film “il Padrino“. Telefona direttamente al vero padrino americano, Joe Adonis, capo della mafia americana e ottiene la parte. Quando si libera il posto di direttore del festival di San Remo (gran fabbrica di soldi e mazzette), Toni Renis telefona direttamente a Berlusconi e ottiene il posto. C’è chi ha santi in paradiso e chi padrini in terra”. >

Lu wrote:
<“Scusa, solo due righe di solidarietà, anche se non sono del vostro mestiere, giro il mondo per lavoro da un quarto di secolo, nelle vendite, e siete rimasti i pochi in cui credo ancora, in definitiva. Son stanco e non riesco a spiegarmi bene, ma sono dalla vostra in pieno, e siamo ancora in tanti, anzi sempre di più, vedo. Bon, se posso collaborare in qualche modo, tipo aneddoti sulla stampa estera, su come ci vedono male da fuori, forse potrebbe servire…. o no? Boh, fate voi, idee ne avrei, se volete ve ne mando un ics… Se serve per una boccata d’aria fresca… Statemi belli, ci vede su sto internett!”.>

Certo che può servire. Manda!

Marco wrote:
<“Quella di Violante dopo quelle di Lazzaro e Pinochet è una bella resurrezione”. >

Antonella Consoli (libera@libera.it) wrote:

La prova del coraggio
Quella sera Vanì era più forte
del sole e avrebbe
sfidato il suo amante
nella prova del coraggio
necessaria agli sposi di
quel secolo

Perché non scriverti
a quattro colori
con tutte le sfumature
di ti voglio bene?
Che importa se
vorresti ti amo
Io so solamente
tutte le sfumature
di ti vorrò sempre bene
eternamente

(Visited 9 times, 1 visits today)
About Strelnik 17 Articoli
Apolide toscano, bit-worker

2 Comments

  1. ho dei forti dubbi su queste statistiche a proposito dell’automobile (e lo dico da persona che l’anno scorso si è detto “perché in due dobbiamo avere due auto?” e stamattina si è fatto 16 km in bici per andare in ufficio) .

  2. Non saprei dire sulla ripartizione dei consumi. Ma circa i costi, perdonate la pedanteria da personaggio di Verdone(Furio, per la precisione…), riassumo ai minimi termini:
    1) 20 mln come minimo per comprare l’auto; 2) 15 mln in 10 anni di bollo e RC; 3) 15 mln (minimo) in 10 anni per carburante; 4) 10 mln in 10 anni per gomme, riparazioni, pedaggi, parcheggi, multe. SE VA BENE (no furti no schianti conro un platano ecc), sono 60 mln in 10 anni, trascorsi i quali ricomincia la giostra(l’usato, a quel punto, lo vendi a peso come le patate). Ognuno calcoli quanto rappresentano 60 mln in 10 anni, in rapporto al proprio reddito !

Rispondi