Hasta la Ventura, siempre!

Simona VenturaOra, non che la Ventura lo sapesse per davvero, ma sulla forma riflessiva dell’imperativo del verbo “integrare” («Intégrati») aveva ragione lei e non noi (qui “noi” sta per: io e Luca Sofri via SMS, Selvaggia a Ogni maledetta domenica di due settimane fa, Guia Soncini sul Foglio del 15 ottobre).

Tanta sapienza direttamente dal blog del (presunto) cornuto.

Possiamo comunque continuare a consolarci pensando che nessuno potrà mai riabilitare “Hasta la vista siempre!”, “Dietro le mongrovie”, “Patrizia, stacitto!”, “L’ho vista raggiosa e radiante”, “Vuvuvù Isola slash Rai punto it” e “Una coppia che dura nelle intemperie”.

(Visited 7 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. A parte che mi sembra che la tua fonte non si sia accorta della questione di cui si parla (e tu abbia fatto poche verifiche): c’è in giro una scarsa sensibilità all’uso degli accenti, e anche il commentatore qui sopra – mi pare – non ha capito che la questione è se si possa dire intégrati, invece di ìintegrati.
    Venendo quindi al punto, segnalo che il Devoto-Oli cita ovviamente “ìntegro”, e definisce “meno comune” intégro.
    Ciao, L.

  2. aggiungo che lo Zingarelli dà la forma “intègro” (e non “intégro”, che suppongo milanese o comunque nordico nel midollo) come morta (avete presente la crocetta + ?).
    Parlando di accenti la Ventura ha sbagliato. Ha ragione luca e torto gianluca a darsi torto.

  3. ah dimenticavo. “intègro” (con l’accento grave) è una forma (peraltro anch’essa morta e stramorta) di ìntegro (l’aggettivo), che non c’entra nulla con il verbo integrare e la sua forma riflessiva (integrarsi). Sempre dallo Zingarelli…

Rispondi