Morto un papa se ne fa un altro (per fortuna)

Si festeggiano i 25 anni di papato.
Difficile esimersi per giornali e autorità. Difficile dire qualcosa che vada oltre il già detto e sentito.
Ok, ma qualcosa contro si potrebbe anche buttare nel piatto.
A qualcuno sembrerà di sparare sulla croce rossa -e a qualcuno anche questo saprà di già detto- , ma concordo nel dire che di pace questo papa ne ha portata ben poca. Quel nobel mancato è stato uno schiaffo ben assestato all’ovvietà tipica di questi ultimi giorni, un pizzicotto che ci riporta alla realtà e che ci convince sempre più che sono solo parole a caso. Nessuno ha ancora reso la testa alla ragione

Prendo spunto da un posticino di Labranca per poi continuare con un articolo di gay.it. Mi limito ai tempi recenti.
Non possiamo non ricordare quel grande show (e grande business) che è stato il Giubileo (“Giubileo S.p.A:” titolava Il Manifesto), ben sintetizzato dagli abitini simil-versace di Karol (ma la chiesa ci ha abituato a ben altre mise). Ricordiamo, per favore, le santificazioni di padre Pio, Escrivar e quella imminente di Madre Teresa. Tutte e tre in odore di Marketing considerati i tempi, decisamente brevi rispetto alla media (questo Papa ha fatto più santi che tutti i suoi predecessori, che non sono pochi). Viaggi a Cuba, in India, visite in parlamento e in sinagoga più il “dialogo interreligioso” che sanno solo di proselitismo.

Limitiamoci brevemente a citare una sigletta, IOR, e poi andiamo avanti.
E poi: il non aver preso una posizione precisa nei confronti dell’ultima guerra (e l’aver invitato i parroci a non esporre la bandiera della pace…) nonostante alcuni tentativi di evitarla. E poi: i numerosi scandali, ma non tanto per gli scandali in se (sono convinto che non è il caso di giudicare Cristo dai suoi discepoli), ma per le dichiarazioni e i provvedimenti intrapesi per risolverli o coprirli. E ancora: immensa opera di “medievalizzazione”, anche mediante pesanti interventi nella sfera politica. Emarginazione e discriminazione degli omosessuali, condanna del sesso sicuro e della procreazione assistita. Ambiguità tante, qualcuna a caso: il Vaticano condanna la clonazione umana (anche quando può salvare numerose vite) ma approva quella animale; il Vaticano ha sempre condannato il comunismo, ma non si è mai pronunciata sul nazismo… etc. etc. ect.

Il Vaticano con questo Papa ha tentato sempre più di assumere un ruolo politico con risultati che da un punto di vista umano non hanno fatto altro che favorire un arretratezza culturale e di pensiero che rende il messaggio di Cristo sempre più rivoluzionario in quanto duemila anni non hanno portato nessun cambiamento.

Di pratico, nulla di fatto, solo encicliche e bolle papali, mega-raduni, mega-show, divisioni, distinzioni, separazioni. Il peggior papato di tutti i tempi secondo molti. Peggio anche di “illustri” predecessori

(Visited 15 times, 1 visits today)

17 Comments

  1. Vogliamo ricordare quella bella scenetta di Karolone che dà la mano a Pinochet sul terrazzo del palazzo della Moneda, nemmeno troppi anni dopo che quel palazzo era stato preso con le note modalità ?

  2. il sito mi garba molto, ma quello che scrivi pochissimo.
    mi dici per favore chi dice che questo e’ il peggior papato di tutti itempi? vorrei capire perche’.
    a me e’ sembrato il piu’ grande degli ultimi tempi, un papa che grida mai piu’ la guerra tutti i santi (!!) giorni non e’ quello che tu dici “il non aver preso una posizione precisa nei confronti dell’ultima guerra “. IMedievalizzazione? ovvero ribadire il no alle unioni gay come matrimoni, o al matrimonio dei preti o che altro? oppure l’aiuto fondamentale alla caduta dell’impero sovietico? allora non devi dire pessimo papa, ma “non condivido la religione cattolica”. sticazzi, Karolone… ma per piacere! vatti a rivedere quello che c’era dietro quella visita! le persone che ha fatto liberare…
    grazie.

  3. che non condivido è vero, ma non è il principio alla base di questo post, quanto al peggior papato è opinione diffusa che io raccolgo e condivido, e ribadisco che il papa con dichiarazioni e azioni del suo papato ha congelato fino ad oggi una mentalità che risale come minimoa 50 anni fa (ma che ha radici ben posteriori). Ribadisco: il condividere o meno la religione cattolica non c’entra…

  4. “l’aiuto fondamentale alla caduta dell’impero sovietico?” … ecco chi ha manomesso il reattore di Chernobyl!

  5. vabbè invece di farvi le seghe mentali appresso al vostro blog (o quelle reali nel cesso con le riviste hard) ogni tanto potreste pure dare una ripassatina ai libri di storia…. ma tanto per curiosità chi è che dice che sia il papatp peggiore della storia? gay.it a parte intendo…

  6. mah, secondo me un brutto vizio di tutti coloro che postano (me compreso talvolta) è che ritengono come assolutamente vero ciò che postano e non cercano il DIALOGO, che è proprio quello che questo papa ha cercato con tutte le sue forze, sempre e comunque. Mettetevi in questa prospettiva e capirete cosa vuol dire Cuba, la Russia, tutti i viaggi e le strette di mano, fatte sempre con coerenza non con accondiscendenza.

    Questo papa crede nei giovani (e io sono uno di quelli) e ne vede la nuova forza del millennio. L’energia positiva dei megaraduni, per chi ci va però (non per chi li critica dal divano) è quanto di più moderno possa nascere all’interno della Chiesa, altro che roba di 50 anni fa…

    La gente cambia, il mondo cambia e giustamente il papa ha voluto fortemente che la Chiesa cambiasse, nonostante tutte le fatiche e le resistenze interne (conoscete qualche sacerdote?).

    Il mio umile parere di credente (di uno dunque che la Chiesa la vive dall’interno) è che questo papa è grandioso ed è una figura fondamentale del nostro tempo.

    Spero di cuore che anche voi con tempo riusciate a cogliere la portata del suo messaggio.

  7. luca, grazie e complimenti per la civilta’, avevo paura che il mio commento sctenasse un diluvio di flames, invece no. comunqueio chiedevo sul serio, e non polemicamente, se potevi dirci chi e con quali argomenti dice del peggior papato.
    io credo invece che sia proprio un problemadi condivisione della religione cattolica, e dei suoi principi, quello che e’ il problema. Il papa riafferma potentemente e senza fregarsene di piacere quello in cui crede. e’ la gente che prende solo quelo che le piace. dire “w ii santo padre, autorita’ morale” (coem hanno fatto quelli di rifondazione) quando dice no alla guerra e “un pericoloso reazionario oscurantista” quando parla dell’aborto (come fecero sempre loro) e’ ipocrita e strumentale.
    per questo ti dico che e’ tutto quel che dice che va preso e considerato, nella sua interezza, e visto come strafedele alla dottrina della chiesa, come si dice.
    Un tradizionalista. poi se piace o non piace e’ un altro discorso.
    non penso che una religione sia una questione di democrazia, paradossalmente, cambiando cio’ che va cambiato, e’ come la scienza: non si mette ai voti che l’elettrone ha carica negativa: lo e’e basta.
    puoi non crederci.
    che le donne islamiche portino il velo non mi piace punto, ma non dico che e’ il peggior atto di islamismo…

    booh spero che mi sono spiegato

    grazie, ciao

    ma quanto e’ scomoda sta casellina dei commenti!
    ciao!

  8. Per Massimo: ognuno la pensa a modo suo e credo sia scontato che nessuno è portatore di verità ufficiali, me per primo. Il post compare a nome mio (anche se sottoforma di nick) e quindi espressione del mio parere. Parlo da chi questa chiesa (e la mentalità che favorisce) la “subisce dal di fuori”, e non certo tanto per parlare. Forse questo è alla base di quello che può essere letto come “risentimento” o altro. Per Kiton: ovviamente per me è impossibile dire se questo sia davvero il peggior papato, e comunque c’è una base di provocazione considerando gli “illustri predecessori” di cui nel post, ma se si dovesse giudicare un periodo dal papato, oggi sembrerebbe di aver fatto un bel salto indietro… Quanto a quelli che del papa prendono ciò che vogliono (tipo quelli che lo osannano in questi giorni), sono il primo a non approvarli. Non riconosco il papa come autorità morale anche se dice “no” alla guerra. D’accordo che la fede non può essere sottoposta a democrazia, ma la fede è qualcosa di tremendamente privato da renderla inadatta ad essere “promulgato” a mo di legge. Infatti non capisco cosa intendi quando dici “cambiando ciò che va cambiato”… Ovvio che il papa è convinto di quello che fa (credo sia questo a spingerlo ad andare avanti, ed è meritevole anche se la cosa non mi tocca minimamente). Sarebbe un problema se non fosse così… ma sarebbe un problema suo…

  9. Per Massimo: ognuno la pensa a modo suo e credo sia scontato che nessuno è portatore di verità ufficiali, me per primo. Il post compare a nome mio (anche se sottoforma di nick) e quindi espressione del mio parere. Parlo da chi questa chiesa (e la mentalità che favorisce) la “subisce dal di fuori”, e non certo tanto per parlare. Forse questo è alla base di quello che può essere letto come “risentimento” o altro. Per Kiton: ovviamente per me è impossibile dire se questo sia davvero il peggior papato, e comunque c’è una base di provocazione considerando gli “illustri predecessori” di cui nel post, ma se si dovesse giudicare un periodo dal papato, oggi sembrerebbe di aver fatto un bel salto indietro… Quanto a quelli che del papa prendono ciò che vogliono (tipo quelli che lo osannano in questi giorni), sono il primo a non approvarli. Non riconosco il papa come autorità morale anche se dice “no” alla guerra. D’accordo che la fede non può essere sottoposta a democrazia, ma la fede è qualcosa di tremendamente privato da renderla inadatta ad essere “promulgato” a mo di legge. Infatti non capisco cosa intendi quando dici “cambiando ciò che va cambiato”… Ovvio che il papa è convinto di quello che fa (credo sia questo a spingerlo ad andare avanti, ed è meritevole anche se la cosa non mi tocca minimamente). Sarebbe un problema se non fosse così… ma sarebbe un problema suo…

  10. cambiando cio’ che va cambiato: chiaramente la fisica si basa su fatti sperimentali, la fede, grazie a Dio, no.
    ciao!

  11. Mi domando da anni come mai quelli che c’hanno la fede sono così stronzi. O che non doveva rasserenarli, tutta ‘sta fedina bonina bonina in Gesùgiuseppemmariasiate la salveezzadellanimamia ? Kiton è uno dei millanta che usa Dio, papa, fede come randelli da sbattere sulla testa di chi crede solo in ciò che vede ? Non sarà mica che sotto sotto temono chi non crede perchè risveglia l’ateo che è in loro e che vogliono nascondersi e nascondere sennò mammina piange ?

  12. e bravo, anche tu dai un’interpretazione genitale del cattolicesimo. La trombata come primo principio, la trombata come diritto divino. Se tu avessi il minimo rispetto, capiresti che le bandiere della pace non sono un valore aggiunto a un altare. Per il semplice fatto che oltre il sacrificio di Cristo non c’è nulla di più importante. Ah ma no, secondo te il prete per essere bravo deve passare per la Grande Chiesa Antiamericana del Risentimento Bertinottista. I conservatori, quelli veramente di retroguardia siete voi, che scambiate il vostro culo sulla poltrona per un’azione di pace.

  13. sticazzi, ma che tu voi da me? randellate? ma dove? dimmi dove nel mio intervento t’ho randellato… a me sembra che sia tu che cerchi mammina… e poi che t’ho offeso io? mi pare di no. non continuo solo per rispetto a
    luca.
    Ah, due cose:
    1) chi t’ha detto che io ho la fede?
    2) che io sappia e’ il buddismo che dice cha ti da’ la pace, non certo la fede cattolica.

    fossi in te cercherei di rispettare un po’ dipiu’ gli altri.

    ciao

  14. Kiton, già dal primo intervento ho notato come ti sei inalberato per il mio post su Karolone e Pinochet: avallare lo strabismo o il doppiopesismo della Chiesa e di questo papa fra i regimi di destra e quelli disinistra induce a sospetti di ciellismo o dintorni. Quanto alla caduta del comunismo, per quanto sia un merito ( e lo è in parte, visto come ha preso forza il capitalismo più reazionario degli ultimi 100 anni) darne molta parte al papa è ingenuo.
    Mi sa che gli USA ne hanno ben più merito/colpa. Quanto al tono afggressivo, rileggiti i tuoi post e vedi senon sono saputi e aggressivi: evidentemente, le risposte per le rime però non ti garbano. Passo e chiudo.

  15. Venticinque anni di dolore

    Senza mezzi termini le dichiarazioni di qualche giorno fa del segretario nazionale Arcigay Aurelio Mancuso a proposito dei venticinque anni…

  16. mi dispiace, caro ptarabusi, le risposte per le rime mi garbano, e come.
    tanto che mi piacerebbe riceverle in email, per non abusare della pazienza di luca…
    ciao

  17. Morto il papa!

    Anche sto papa se n’è andato. Un fenomeno mediatico, una specie di Berluska, un papa reazionario, uno che ha riportato la chiesa a visioni preconciliari, uno che ha fatto beati di qua, santi di là..Mo mi sono messo a raccogliere una serie di documenti…

Rispondi