Una sola casa: Fox. Due palle: le mie.

FoxLA TV DEL TERZO MILLENNIO: PIENA ZEPPA DI SPOT E CON QUALCHE SPORADICA SIT-COM

Le migliori sit-com e una valanga di telefilm raccolti nella programmazione di un solo canale. Sembrava dovesse essere il paradiso televisivo e in effetti per certi versi lo è.
Il solo fatto di scoprire che quel mobile rettangolare è in grado di proiettare qualcosa di diverso dall’effige della De Filippi vale già da solo il prezzo dell’abbonamento.

Questa meraviglia doveva essere ancora più appetibile perché tutti ci aspettavamo di metterci comodi e di poter vedere C.S.I, i Simpson, Buffy, 24 e Perfetti ma non troppo senza interruzioni. C’è un solo enorme ma: Fox è un canale satellitare visibile solo dagli abbonati Sky. Nonostante questo è pieno zeppo di pubblicità.
Non è proprio pubblicità, ma una rassegna di tutto quello che è andato, va e andrà in onda su Fox. Ormai è diventato un tormentone: “duecentocinquantamila indizi, tremimilaquattrocento prove, cinquecentodue indagini, una sola casa: Fox.
Questo è più o meno il promo di C.S.I.
Che c’è di male? Niente se non fosse che è andato in onda quattrocentocinquanta volte soltanto nell’arco dell’ultima giornata.

Come se non bastasse ci propinano anche dei mini speciali tematici su ogni serie, quelle che di solito chiamano “chicche per appassionati”. La più frequente è quella di X-Files, dove un tizio ci mostra alcuni reperti di Mulder e Scully: il tesserino FBI e qualche pupazzo usato come effetto speciale.
Ormai siamo al paradosso: interrompono il “Momento Fox e le autopromozioni per mandare in onda due minuti di sit-com.
Al venerdì sera trasmettono due puntate di 24. Tra la fine della prima e l’inizio della seconda ho fatto in tempo a fare un figlio, accompagnarlo al primo giorno di scuola, conoscere sua moglie e ricevere la notizia che sto per diventare nonno. Solo che non mi ricordavo più che cacchio stavo aspettando davanti alla TV.

Che dire del mitico “Momento Fox”? All’inizio lo accettavo di buon grado. Per chi non lo sapesse: prendono da un telefilm una scena particolarmente divertente della durata di un paio di minuti e la trasmettono come una sorta di campione omaggio che dovrebbe invogliare alla visione della sit-com in questione. Da principio ti trovi a pensare: “bella idea”. Anche il secondo giorno pensi che in fondo un sacco di gente se lo sarà perso e così per tutta la settimana successiva. Il mese dopo cominci a temere che i macchinari di Sky si siano inceppati e che nessuno riesca più a sbloccarli: promo-momento fox-momento fox-promo. Poi valuti meglio la situazione e sei convinto di aver individuato un messaggio subliminale che ti induce a tornare su Canale 5. Non dai ancora segni di cedimento e vai avanti: “venti sedute di yoga, dieci vestaglie sgargianti, una sola casa: Fox”. Ce la fai ancora, vai avanti: “quattrocento avvistamenti di alieni, due investigatori, una sola casa Fox
Al secondo mese di trattamento ti rendi conto che il tuo linguaggio è cambiato. Vai dal salumiere e chiedi: “due etti di prosciutto cotto, uno di mortadella, una fetta di fontina su un solo bancone: il tuo”. Ci sono datori di lavoro che per comunicare un licenziamento hanno usato la seguente formula: “cinquanta dipendenti, quattro manager, sette stagisti, uno solo a casa: tu!”.

È una sequenza micidiale: promo/momento Fox/momento Fox/promo e così via. E sono sempre gli stessi.
A casa mia ormai ogni sera c’è una sorta di Rocky Horror Picture Show, solo che si recita il “Momento Fox.


Io e la mia fidanzata ci dividiamo i ruoli: lei Dharma, io Greg, lei Ally McBeal, io il garzone del supermercato, lei Scully, io Mulder.
Ieri sera i vicini hanno chiamato la polizia perché stavamo interpretando 24. Io facevo Kiefer Sutherland e lei la figlia. In una trentina di munuti si è fatta rapire due volte come un’idiota ed è stata arrestata per un omicidio che non ha commesso. Mi hanno sorpreso mentre brandivo una cazzuola, mi apprestavo a murare la porta di casa e le versavo una colata di cemento sui piedi per trasformarla in una sorta di omino del Subbuteo statico. La cosa strana è che il poliziotto non mi ha creduto quando gli ho rivelato di lavorare per il CTU e gli ho parlato in via confidenziale di una bomba atomica pronta a esplodere in città.

A dir la verità la mia fidanzata preferisce interpretare Buffy, mentre io faccio il vampiro che viene riempito di botte come una zampogna. Sono sicuro che si tratti soltanto di una scelta artistica.
Io comunque sto tempestando di e-mail e telefonate l’ufficio stampa di Fox perché è davvero scandaloso che nel 2003 non ci sia una sit-com a luci rosse.

In mezzo a tutta questa autopromozione comincia a comparire qualche timido spot di uno sponsor vero. Uno che paga intendo. Per adesso ho visto solo Nuvenia e mi chiedo se sia un caso che vada sempre in onda durante Buffy. Quella che un tempo era chiamata la tv con l’elmetto potrebbe presto diventare la tv con le ali.

Vorrei soltanto avere la possibilità di parlare con qualcuno di Fox o comunque di fargli arrivare un messaggio: la programmazione la conosco a memoria e vi ringrazio, adesso però volete farmi vedere questo cazzo di telefilm?

(Visited 6 times, 1 visits today)

13 Comments

  1. Ah, i vantaggi del monopolio.
    Se ho capito bene Fox e’ come una specie di Italia 1 in cui trasmettono solo telefilm e pubblicita’, per il momento (e solo per il momento) autoreferenziale. Bella Murdoch! Mi ha fatto passare ogni velleita’ parabolica. Nonostante il bonus di 150 euro per il decoder.

  2. sono abbonata a sky attraverso fastweb-ebismedia.x non tormentarci,Primosky (fox,raisat ecc…)non ce lo danno proprio!!!

  3. Altro difetto: ci sono telefilm che trasmettono 10 volte al giorno e altri quasi mai. Ad esempio mi sono perso la puntata di Ally ieri. Oggi manco una replica, domani non so, visto che sulla guida sky la programmazione parte dalle 18 e che la guida epg serve solo a farmi saltare i nervi… I

  4. anche su discovery hanno scassato… Combinazione gli ho appena mandato una mail che allego…

    I am a subscriber of sky italia tv.

    I already signed the subscription so you don’t have to convince me to see your channels.

    If I am looking your channels means I am interested.

    There is only one way to make me decide to stop looking at discovery channels: to continue with this spots every 10 minutes in which you try to convince me to look discovery channels. I have already subscribed and paid for God’s sake, why you are bothering us with these spots? It is called pay-tv that SHOULD mean that I am supposed to see what I chosed to see and paid for it without being bothered.

    I may understand that you are broadcasting the same program in more countries, some of them have commercial brakes, and you put these self commercials to fill the holes, but, believe me, IT DOESN’T WORK… at any break I change channel and sometimes I switch to some other program…. The problem is that this way of broadcasting has been followed by your competitors too: National Geographic, History channel, A1. The only one a little better is Planete…

    A hint: At least do not broadcast the same spot five times during the same program, try to do something…At least I would like to see some REAL commecial, not this trash, I am sure they are less annoying…

    btw, the italian speakers of the programs are ok but the guys who speak italian in these spots are really bad. Where did you find them? I bet not in Italy.

    with hope

  5. parole sante, Gianmarco.
    L’auto-pubblicita’ su FOX è veramente intollerabile e, visto che quello è il canale di punta dell’offerta SKY, il gioiellino di famiglia, c’è il rischio che riempiano di pubblicità anche tutti gli altri canali. Abbiamo proprio bisogno una Italia 1 via satellite a pagamento con lo stesso martellamento di quella gratis via etere? Forse no.

  6. Gianluca, su Fox seguo solo 24 e ne vale la pena. Son d’accordo sul fatto che tra la prima e la seconda puntata passano minimo 7-8 minuti di break per far cominciare la puntata alle 22 precise. Negli USA quel break è tutta pubblicità? Vale cmq la pena vedere Fox e le interruzioni sono brevi di solito.

Rispondi