1 Comment

  1. Anche questa mattina ero in ritardo. E’ un brutto priodo e dormo poco la notte, ma la doccia cazzo quella no, non posso saltarla. Solita sequenza: seduta in tazza poi rasatura poi doccia (se ci pensate ha una sua logica…). Per la cronaca in tazza ho terminato “il fantasma di Trieste” di Enzo Bettiza, mi è piaciuto. Il primo contatto é con il sapone LUSH, sapete no? Quando entro nei loro negozi sembra di essere in un negozio alimentari di una volta,beh ora uso un sapone con dentro dei filamenti di non so cosa; non i sono ancora ammalato e l’odore é buono…
    Quindi schiuma da barba NOXZEMA ora mi va quella azzurra un pò mentolata, aiuta il risveglio…Una volta in doccia si parte dalla testa con shampoo BIO POINT per lavaggi frequenti, passo poi sulla unta superficie cutanea del sapone in crema DOVE. Suona la porta. E la donna delle pulizie che gia diverse volte ultimamente mi trova ancora in casa alla mattina. Non vorrei ci filasse con dei pensierini… non per niente, ha più di 60 anni…”buongiorno Anna!” grido dal box doccia cercando di ricordare se l’accappatoio é in bagno o in camera. Di seguito mi preoccupo delle mie parti intime che lucido con una buona dose di SAUGELLA. Esco dalla doccia controllando l’ora, é sempre più tardi ma in compenso l’accappatoio mi sorride da dietro la porta.
    Dopo una veloce asciugata passo del deodorante DOVE in crema sulle ascelle, mi spalmo in faccia una crema senza alcool HIDRATHERME per non apparire schiaffeggiato quando tra un pò mi presenterò dall’edicolante per il quotidiano.
    Ultimamente i capelli sono un pò lunghi, anche sempre più bianchi ma questa è un altra storia…elimino quindi l’effetto Ramones con del gel ALOE, esco dal bagno, incocio l’Anna, scambio un paio di convenevoli cercando di giustificare il fatto che sono ancora tra i piedi. Lo sò, é casa mia ma bisogna avere rispetto di chi si presenta puntuale al lavoro! Velocemente mi vesto ed esco.In effetti sono anni che non uso NORDICA…

Rispondi