1 Comment

  1. SFRUTTAMENTO DEL MARCHIO SCHIETTI
    http://domenico-schietti.blogspot.com

    Schietti non è interessato allo sfruttamento del suo marchio e delle sue invenzioni

    Tutte le aziende sono libere di adottare il marchio originale “Schietti” per sempre, con l’approvazione di Domenico Schietti a patto che:

    – i prodotti rispettino i diritti dei lavoratori, dell’ambiente e dei consumatori
    – il 15% del fatturato di ogni prodotto sia devoluto per la distribuzione gratuita del prodotto stesso a persone non abbienti ( del servizio nel caso di anziani o persone incapaci di usare il prodotto, nel caso della Serpentina per esempio, l’acqua potabile di acquedotto o in bottiglia, il riscaldamento della casa, … e accompagnatori del Servizio Civile )
    – lo 0,1 del fatturato a familiari diretti di Schietti ( i genitori e poi gli eredi legittimi)

    I prodotti con marchio Schietti devono avere una tassazione massimo del 20% per coprire le spese burocratiche dei controlli fiscali ai prodotti col marchio Schietti (3%), finanziare il Servizio Civile Obbligatorio per distribuire fra tutti i lavori che non vuole fare nessuno (7%), pagare il vitalizio agli eroi nonviolenti della resistenza e i mausolei di ricordo per le vittime della sete, della mancanza di energia e di malattie facilmente curabili(4%), finanziare le ricerche e i filoni di indagine dei pool indipendenti di avvocati (3%), varie tra cui decine di sportelli indipendenti dell’ufficio brevetto prodotti impossibili (3%)

    Alcuni dei prodotti oltre al Motore di Schietti di cui abbiamo già le spiegazioni di Schietti o di altri eroi schiettisti sono: la lavatrice ad acqua ozonizzata, la macchina per produrre concimi biologici in giornata dai rifiuti umidi, elettrodomestici di vario genere come il calorifero azionato dal Motore di Schietti, la moto volante, la macchina volante, le astronavi, le sementi biologiche di orgine contadina selezionate per centinaia di anni, pezzi di ricambio originali, farmaci di autocura di origine naturale, libri, film, siti internet, biografie, interviste, poster, foto, programmi televisivi, videogiochi, le scarpe e i vestiti fatti su misura, i ristoranti con le ricette originali della mamma e della nonna di Schietti, i prodotti alimentari selezionati con controlli rigorosi sulla qualità, ecc ecc ecc

Rispondi