No Glocal

Sospetta SaltuariC’è un blog di cui non ho mai parlato, ma che leggo da mesi, da quando è stato creato. Svelo l’acqua calda, perché credo ormai lo conoscano in tanti, ma non importa.
Non succede mai (magari sto esagerando: quasi mai) che un libro o un film dal titolo azzeccato si rivelino eccezionali. In questo caso si: il blog si chiama Bassoatesino e si merita tutte le risate che mi ha estorto. Il sottotitolo (anche se cambia di mese in mese, io parlo del primo, che si può ancora trovare negli archivi) è persino meglio: “Il bassoatesino è quel corpo che immerso in un liquido se lo può anche bere tutto”.
A gestire il blog è David Saltuari, esperto di cinema ed ex curatore (assieme ad Andrea Romeo) dell’ormai defunta rubrica di Clarence Cinehall.

Vignetta d'epoca di Roberto GrassilliAi tempi in cui Clarence era di proprietà degli svedesi la parola d’ordine era “glocal”: conquistare l’Europa a partire da Stoccolma, e poi concepire prodotti che fossero allo stesso tempo “globali” e “locali”. Una gran puttanata, col senno di poi. Ma anche col senno di allora, secondo noi.
Capitò che tra tutti i portali europei di proprietà mangia-aringhe, Clarence fosse quello più accreditato per seguire il Festival di Cannes: avevamo collaboratori d’eccezione invidiati persino dai francesi, che non mandarono nessuno. Così, sulla Costa Azzurra, arrivarono i nostri. Erano Romeo e Saltuari.
Ogni sera ci inviavano in redazione svariati pezzi e un numero inquantificabile di foto. Noi ricevevamo il materiale, lo impaginavamo e lo inviamo ai portali Spray francesi, tedeschi e svedesi. Per Clarence non restava nulla, se non gli scarti, e noi pubblicammo quelli.
La versione tedesca, che nella testata riportava la dicitura “by Romeo und Saltuari, in redazione diventò un tormentone. E, con l’andar dei giorni, quasi senza che ce ne accorgessimo, creammo il personaggio Saltuari.
Non credo che nel resto d’Europa abbiano capito perché, ma su Clarence, utilizzando le foto che ci inviava dalla Croisette, Saltuari fu via via sospettato, martellato, centrato, complottato, decifrato, deformato, insaccato, colorato, trovato, saltato e ricomposto.

Oggi David ha un blog. Uno tra i pochi che sento di poter consigliare agli amanti del cinema. Di certo quello redatto con maggiore passione e il più aggiornato: se qualcosa finirà sul grande schermo, Saltuari lo sa.
Se gli state simpatici è capace di anticiparvi la trama del settimo episodio di Star Wars.

(Visited 4 times, 1 visits today)

3 Comments

  1. uahaha! grande david!
    minkia io l’ho pure sognato! ke incubo! ma non potevo sognarmi la Milla!?!?! -_-

Rispondi