Dovigiui dove sei?…

Per farmi un idea (superficiale, ovviamente) di chi fosse Maurizio Dovigi pensavo bastasse la sua bibliografia: “Come entrare nel mondo della tv” (Franco Angeli), “Mollo tutto e vado in america” (Mursia), “www.tradimenti.net” (Mursia), “Fare business negli Usa” (Franco Angeli), “Weblog” (Apogeo)

… Invece no! Ho voluto esagerare! Ho intercettato – ma dove sono stato tutto questo tempo? – il suo vlog (videoblog, che mi fanno apprezzare – raro di questi tempi – il bello dell’identità virtuale, di chiacchiere con perfetti estranei che interpretano qualcun’altro o forse se stessi veramente, ed anche la “genuinità” dell’anonimato): posa da Agente Mulder+Davide Mengacci , sguardo languido e sorriso smagliante da consumato entarteiner, cadenza chiaramente milanese con lieve tendenza berlusconiana (riscontrabile anche nella boccuccia). Non è grave fino ad ora.

Passo alla visione e sento che “quella conferenza alle mauriccius (notate la boccuccia) è saltata”, Mannaggia! Mi si apre un mondo: le discese ardite e le risalite…..

Un lucido indagatore della realtà: “EHi (alla fonzie) ragazzi a Milano fanno quasi 40 gradi.. non se ne può veramente più” (mi sembra di stare a Studio Aperto quando si collegano con 7-8 città italiane per farci semplicemente sapere che “Fa caldo!”).

Un lucido indagatore dei sentimenti umani: “se due persone si amano, qualunque sia l’orientamento sessuale perchè non possono vivere insieme?”;

Un uomo che non si ferma mai: “il progetto è un bel format tv giovane e frizzante…”.
La sua filosofia di vita: “il cambiamento è linfa vitale, chi cambia spesso vive indubbiamente meglio”.

Dubbi amletici: “perchè quando un uomo ha la donna è corteggiatissimo, quando non ce l’ha non lo caga nessuno?” e “Perchè le donne sono attaratte dagli uomini stronzi”.

Ogni tanto si ferma a pensare. E’ troppo avanti!

Raccolgo il suo invito ed propongo un idea per il suo prossimo libro: “Alain Elkann intervista Maurizio Dovigi”:
“- Dovigi, ma le mezze stagioni esistono ancora?
– ma chi ci crede!”

(Visited 67 times, 1 visits today)

5 Comments

  1. Eccomi qui. Il tuo vlogger preferito, Dovigi in persona. Scusami per il ritardo ma da quando GN e’ latitante frequento GNU con meno assiduita’. Allora, che posso dire… mi sembra chiaro, leggendo il tuo post, che io ti stia “leggermente” sulle palle. In genere accetto seza problemi le critiche, purche’ siano vere ed abbiano un senso. Le tue, francamente, sono un insieme di cattiverie sparate addosso ad uno che, per motivi tuoi, ti sta un po’ sul cazzo. Mi sembra di essere tornato ai tempi che precedettero l’uscita del mio ultimo libro “Weblog”, quando alcuni tuoi amici (Mantellini, Personalita’ Confusa, ecc.) ne parlavano male ancora prima che uscisse, facendo emergere una chiara malafede. Come la tua. A proposito, nel compilare l’elenco della mia bibliografia ti sei un po’ distratto e hai imboscato l’ultimo libro che ho scritto, Weblog, all’ultimo posto di una corretta (per tutti gli altri libri) cronologia. Approfittando dell’occasione, ho ovviamente visitato il tuo blog e, dopo attenta analisi, consiglio a tutti di farci un giretto. E’ molto interessante, soprattutto dal punto di vista qualitativo. Un ultimo desiderio, visto che critichi tanto la mia faccia, la mia boccuccia, il mio accento milanese: mi piacerebbe tanto vedere la tua di faccia. Davvero. Tanti saluti dal tuo vlogger preferito.

  2. La mia faccia la puoi vedere nella pagina degli autori di Tom (www.tom-online.it), si accettano commenti (il più gettonato è “faccia di cazzo”). Per il resto nessuna mala fede, non mi stai sulle palle ne tantomeno sul cazzo. Era solo una simpatica presa in giro, ti trovo solo un po’ banalotto (ma è una mia – superficiale, come ho avuto modo di specificare – opinione), nulla di più! Anzi no: ora trovo che hai anche poco senso dello humor….

  3. Ok, non ho il senso dell’humor e sono banale. E probabilmente non ho neanche il dono della sintesi, visto che nei 10-15 secondi di video non riesco ad esprimere i grandi concetti a te tanto cari. Scusa Luca, sai benissimo che un blog è una sorta di territorio personale in cui uno ci fa quel che vuole, se a me va di kazzeggiare e di sparare cazzate va bene così, no? L’utente interessato mi verrà a far visita, quello non interessato, come te, ci capiterà una volta per caso e poi non tornerà più. Qual’è il problema? Comunque, per quanto mi riguarda il caso è chiuso. Senza rancore. Ciao.

Rispondi