I miei perchè

Alle 23.30 anche io parto per le vacanze. Sarò in giro per l’Europa fino a ferragosto, e non avrò il portatile. Quindi mi affido agli internet cafè, ma penso che mi lascerò tentare poco (o perlomeno spero).
Voglio salutarvi con un’osservazione molto personale.

Tra commenti al post della polemica e mail, mi avete accusato in ogni salsa.
Bene, ho cercato di rispondervi più volte, ma non funziona, vi faccio allora un paio di domande.
Ma voi pensate davvero che io ce l’abbia con Gianluca?
Ma siete davvero talmente poco critici da pensare che io voglia male a
Gianluca, che è una persona che stimo e a cui sono affezionata?
Pensate davvero che io voglia essere pagata per dire le mie quattro cazzate (e non sono altro che questo i miei post) su Gnueconomy?
No. Io, miei cari, ce l’ho con Dada, con Dada che sotto ha sicuramente combinato qualcosa: che si legge tra le righe e che puzza quando apri Gnueconomy.
Soprattutto quando apri Gnu e ti trovi a leggere certi post di Gianluca.
Ve la ricordate l’Avvelenata che ci ha cantato, la partita a dama che avrebbe voluto giocare, i ricordi della nascita di Clarence?
Io ci ho letto qualcosa che non andava, una delusione triste e sussurrata solamente, una sua presenza diversa che preannunciava quasi ad un’assenza.
E’ per questo che ho iniziato la crociata contro Dada, che vi ho chiesto di supportarmi.
Il whois del dominio gnueconomy.net (con la scoperta dei dati di Dada) mi ha fatto capire come il blog embedded in clarence non fosse altro che uno scambio di proprietà. Perchè? Ecco la mia domanda, una persona che vende il proprio blog – come qualcuno ha affermato – può poi scrivere certi post parlando di delusione? No, non credo.
Gianluca avrà anche venduto Clarence a Dada, avrà i suoi buoni motivi, ma perchè avrebbe dovuto vendere anche Gnueconomy? Cosa ci avrebbe guadagnato di più da un posto frequentato sempre dai soliti ignoti?
E perchè avrebbe dovuto poi rammaricarsi per quello che stava succedendo?
Io mi sono posta tutte queste domande, ed il suo silenzio, il suo essere vago mi ha dato quasi una certezza che c’è qualcos’altro sotto. E che porta il marchio Dada.
Ecco perchè mi chiedo, dannazione, nessuno di voi ha capito che la mia polemica verso Dada, che si ripete sotto ogni mio post (magicamente raddoppiati), la sto alimentando proprio per l’affetto e la stima che mi legano a Gianluca? Nessuno si è accorto che qualcosa è stata sottratta a noi, ma soprattutto a chi ci ha dato la possibilità di essere qui su Gnu? E che non sarebbe giusto che noi restassimo indifferenti?

Quanti punti interrogativi, vi chiedo perdono per questo, ma anche e innanzitutto per il mio esser troppo sentimentale. Perchè non sono i soldi, o qualche click in più, o qualunque altra cosa che voi possiate credere che mi ha portato a scrivere “liberate il pinguino”, ma quella sottile delusione e malinconia che ho letto nelle parole di Gianluca e che ha fatto male anche a me.

mr dada per questo pezzo non c’è prezzo.

(Visited 3 times, 1 visits today)

21 Comments

  1. Proserpina, l’Europa è grande, non ti basta fino a ferragosto: prolunga le ferie.
    Mi fa ridere la tua difesa accalorata di Neri costretto da questi mostri vampiri di Dada a vendere Gnueconomy. Ma ci faccia il piacere: Dada ha reso Neri miliardario, non credo che lui li odi così tanto…
    Poi scrivi “qualcosa è stata sottratta a noi”. Ma de che? Hai pure raddoppiato il numero dei tuoi post, come tu affermi. A me interessa, visto che lo consulto tutti i giorni, che Gnueconomy rimanga un blog di qualità, divertente e interessante, ciò che purtroppo non è in questo periodo.

  2. Quante stronzate, non basta scrivere qualcosa di interessante per alimentare il blog, invece di star qui a dibattere sul perchè ed il percome sia cambiato il tenutario del dominio?

  3. Vedi Pros, io sono anche d’accordo con te. Ma poi c’è sempre chi la sa più lunga, che sa come gira il mondo e ce lo deve spiegare a tutti i costi: “E’ il solito magna magna signora mia, che vuole”. Una volta si diceva “ve lo meritate Alberto Sordi”.

  4. Pros, Gnu è una bella cosa e a viverla dall’interno dev’essere ancor più emozionante: fai bene a difenderla. PS: se ne tuo viaggio per l’Europa dovessi passare per Berlino (senza l’intenzione di ammazzar gente nei klo delle discoteche) scrivi!

  5. pros, falla finita. stai facendo la figura della ragazzina adolescente cresciuta male e che col cervello non ci arriva piu’ di tanto. Gnu e’ sempre stato di Dada, ha sempre risposto a regole aziendali e Neri fa il suo “mestiere”, ossia lavora due ore al giorno e si gode i soldi di Dada alla faccia tua: se ti sei fatta illudere e sei stata nel mondo dei sogni fino a qualche giorno fa, e’ un problema tuo, da risolvere con un po’ di fosforo.

  6. Ah, eccoli, lo sapevo. Arrivano come mosche sul miele. Si mettono davanti alla finestra, in controluce, guardano fuori cercando con lo sguardo un passato perduto e, mentre si accendono con fare esperto una sigaretta, pontificano: “Ehi bimba, non lo sapevi che il mondo è un posto sporco e corrotto. Cresci e apri gli occhi. E non piangere! Perchè piangi? Piangi perchè sono un grande artista?”
    Chissà perchè mi torna in mente una vecchia scena con Eduardo De Filippo…

  7. Proserpina fa bene a commuoversi: e’ segno di giovinezza, buon per lei. Ma certo, anche se non ho poi la pellaccia cosi’ dura, come forse immagina l’autore del commento precedente, posso dire che IMHO il post di Proserpina cade con tutte le scarpe nella pozza stagnante del ridicolo. E’ peggio che sentimentale, o idealista: e’ retorico, nel senso peggiore.

  8. Io inizio a sentire puzza anche nelle parole di Proserpina.
    Avete notato come tutto sembra essere fedele ad un “piano”?
    Proserpina scrive un post sugli USA quasi tanto per scriverlo, subito dopo Gianluca scrive un post amacord parlando di clarence, Proserpina scrive allora un post accusando DADA e dicendo che deve essere pagata per il post precedente, e Gianluca infine parte e rimanda la polemica (senza dire nulla a riguardo).
    Proserpina inizia così una iperproduzione di post, anche cortissimi, in cui alimenta la polemica, ed infine, prima di partire anche lei per le vacanze (una settimana dopo Gianluca) lascia una smielata in cui “scagiona” da tutto Gianluca, sicurissima di quello che sta facendo.
    Secondo me questo è tutto un progetto. Cosa guadagna o perde Proserpina dalla proprietà di Gnueconomy da parte di DADA? Nulla.
    Perchè avrebbe dovuto Proserpina fare il whois del dominio gnueconomy, davvero per il numero di telefono di Gianluca? Mi sembra strano visto che lei a quanto sembra ha il numero di cellulare di Neri. Non sarà mica che qualcuno l’ha indirizzata? Tutta questa amicizia, stima, commozione, mi sembra troppo stentata, troppo costruita. Devo proprio dire che secondo me Proserpina, magari in buona fede, fa solo parte di un progetto. Probabilmente ha deciso di aiutare qualcuno. E il sospetto è tanto. Non sarà mica che Neri in verità abbia organizzato tutto per scatenare la polemica con tutto ciò che sta comportando (aumento di traffico, botta a DADA, verifica dello share degli utenti etc etc)?

  9. Visto che sono rimasti in pochi a scrivere xkè tutti in ferie, qualcosa bisogna pure dirla, no? Altrimenti il blog langue…

  10. mah! a me sembrano esagerate queste critiche verso Proserpina. Anch’io ho criticato un suo post precedente, ma quest’ultimo mi sembra troppo sincero.

  11. Se non la piantate, mi toccherà di fare un pezzo in difesa di Pros, poi qualcuno si sentirà di dover fare un pezzo in difesa di me, e andrà avanti all’infinito. E’ chiaro?

  12. Caro Gabriele (o come cavolo ti chiami VERAMENTE, perché sembri TU quello che sa molto più di quello che vuole dire, molto più addentro alle cose rispetto a quanto vuoi far SEMBRARE): Neri è un’azionista di DADA (cerca il comunicato stampa su Google): col cazzo che si mette a parlarne male.

  13. Qui a Matrix è da maggio almeno che gira insistentemente la voce che Neri e compagni (Grassilli e l’altro non mi ricordo come si chiama) abbiano lasciato Clarence o stiano per annunciarlo. E sembra anche che altri uomini chiave delle consociate stiano per seguirli, per fare spazio alle teste d’uovo aziendali gradite al gruppo. Niente di molto diverso da quello che è successo qui, quando furono allontanati i primi pionieri. A nessuno frega ormai più niente se il bello di internet puzza di morto.

Rispondi