Riceviamo e Pubbliciziamo

Mi chiamo Valentina (Ligh).
Credo che il problema più grande della comunità dei bloggers italiani ed
esteri, sia la mancanza di un’identità forte.
Non si sa come deve essere fatto un blog e soprattutto in un blog, si
possono trovare molti argomenti.
Questo rischia di indebolire l’identità del blog stesso che altrimenti,
dovrebbe avere uno stile di scrittura molto forte e identificante, che
spesso non c’è.
Spero di dare un contributo alla formazione dell’identità dei blog, con il
mio sito web, www.blog-show.com.
Blogshow è un sito per i bloggers, che vogliono aumentare la visibilità e
dare un’impronta al proprio blog (scegliendo una categoria d’appartenenza).
Esponendo un articolo, fotografia o vignetta, tratta dal proprio blog,
potranno dare dimostrazione della qualità della loro scrittura, (l’articolo
potrà essere modificato senza perdere i punti accumulati).
Una volta iscritti saranno inseriti nelle classifiche (divise per genere) e
potranno cominciare a farsi votare, anche attraverso un box da esporre sul
loro sito.
In più Blogshow da visibilità subito ai nuovi iscritti, tramite la
classifica dei “post più aggiornati” e dei nuovi iscritti, ma lo strumento
fondamentale è l’azzeramento mensile dei voti, che permette a tutti di
conquistare i primi posti della classifica ogni mese.
Il blog verrà giudicato in base all’articolo, quindi più sarà interessante e
più verrà votato!

Omero presenta Sguish! il premio per i Blogger

Il blog è per sua natura Sguishante, difficile da acchiappare e multiforme. Per cominciare una mappatura dei blog in rete, nasce il premio Sguish!

Segnala il tuo Blog preferito, puoi vincere un laboratorio di scrittura on line e far assegnare 500 € al blogger vincitore.

Come funziona il concorso Sguish!:

Chiunque può segnalare da luglio a dicembre 2003, con un’e-mail a blogger@sguish.it, il blog preferito, indicando l’indirizzo internet per raggiungerlo e il nome (o il nickname) dell’autore. Ognuno può segnalare e/o votare per un solo Blog (ogni segnalazione ricevuta per un blog corrisponde a un voto per quel blog), quindi nell’e-mail di segnalazione – che non sarà resa pubblica – vi preghiamo di indicare il vostro nome e cognome, per partecipare all’estrazione.
Tra tutti quelli che segnaleranno un blog verrà estratto un corso di scrittura on line della Scuola Omero, da effettuarsi nel 2004.
I blog segnalati saranno resi pubblici sul sito e verranno votati dai lettori di Omero che realizzeranno una classifica popolare. Una giuria composta dai responsabili della scuola selezionerà il blog che risulterà narrativamente e graficamente più efficace tra i primi dieci classificati.
Al vincitore andrà un premio di 500 €. Nel caso il vincitore non accettasse il premio, i 500 € andranno al secondo classificato (e così via).

ciao mr dada, solito prezzo

(Visited 34 times, 1 visits today)

23 Comments

  1. Basta con questi blog! io mi voglio divertire, non essere incatenato alla catena di montaggio “post più tanti, più belli, più tosti”!

  2. Comunità dei bloggers?
    E’ come pretendere che esista la “comunita’ di coloro che sfruttano la mobilita’ della lingua per parlare”.

  3. Per Proserpina: ho dato un’occhiata al sito di Blog show, mi chiedevo: ma i soldi della vendita degli spazi pubblicitari (pagamento con vaglia postale, wow) vengono suddivisi tra i blogger partecipanti?

  4. Salve sono Valentina Vandilli ideatrice di Blogshow,vorrei ringraziare Proserpina per l’opportunità e tutti i bloggers che hanno commentato interessandosi all’iniziativa.
    Se qualcuno ha domande o dubbi non esiti a scrivere a info@blog-show.com

  5. soldi? dove? no, i blog che hanno aderito non vedono una lira. ma perchè dare addosso ad un’altra iniziativa sui blog? sono del parere che tutte le iniziative che partono “dal basso” (dal basso e non dall’alto emh emh cof cof dad dada) sono le benvenute.

  6. A mio modestissimo e partigianissimo parere, *forse* sarebbe stato il caso di non presentare la faccenda col piglio da Concept Designer Manager con Delega Senior di Vita o di Morte sui Sottoposti (se cominciano già dall’università a formarli sul fuffese…). Bastava dire, ciao, sono una studentessa di scienze della comunicazione, noi ce pruvamm, voi bloggaroli non sganciate una lira – sennò perché vi terreste quell’orrendo banner di blogspot, quindi una mano lava l’altra e tutti ci contempliamo insieme l’ombelico.

    La “vetrina sul tuo sito” ormai è talmente stantia che non ci abbocca più neanche il salumaio (e lo sanno tutti che il culatello in vetrina si rovina).

  7. scusate, ma qualcuno è in grado di spiegarmi perchè mai un blogger così bravo da vincere addirittura un premio dovrebbe poi volersi sorbire un corso di scrittura ??? Come? Danno simili premi anche ai Nobel per la Letteratura? ;-)))

  8. Bè è vero sono una studetessa di 22 anni e cerco insieme ad un mio amico programmatore di crescere professionalmente, anche grazie ai i siti che ho fatto negli ultimi 3 anni,Blogshow è il più grande e quello su cui lavoro di più.
    Spero vada tutto bene e soprattutto che i blog iscritti ne trovino vantaggio (ma è già così dato che gli arriva qualche visita in più).Ciao a tutti :-)

  9. Valentina, il problema è un altro: è che dietro questa aureola del “non profit” si nasconde (anzi, si nota moltissimo) il desiderio di crearsi una vetrina e di promuoversi. Non cè nulla di male in tutto questo, ma bastava dirlo chiaramente. Il tuo blog, ad esempio, contiene disclaimer da portale aziendale del tipo: “Grafica, HTML,layout e testi, sono di esclusiva proprietà di Vandilli Valentina.
    Contenuti pubblicati sui siti di proprietà di Vandilli Valentina non possono essere replicati, neanche parzialmente, su altri siti Web, mailing list, newsletter, riviste cartacee e cdrom senza la preventiva autorizzazione di Vandilli Valentina, indipendentemente dalle finalità di lucro…” Considerando che di contenuti da prelevare ce ne sono ben pochi, dai l’idea di una che si vuole dare delle arie. Bè, questa è la mia impressione e condivido ciò che ha scritto Paola.

  10. Se mettere un disclamer per non farmi copiare il layout (sono una grafica) significa darsi delle arie…. :-)
    Il sito non è no-profit, ho detto solo che metto a disposizione degli spazi GRATUITI a chi mi vuole inviare il suo banner.
    Ciao a tutti

  11. [angolo del paternalismo, skippate finché siete in tempo]

    Valentina, un consigliuccio da chi è cresciuto professionalmente a forza di marchette, schiaffi, carezze e sputi del mercato :)

    Quel popò di disclaimer sul tuo blog personale potrebbe permetterselo un novello Proust cui Picasso avesse fatto i mock-up di layout. Sulle tue pagine fa sorridere. Non volermene, te lo dico con tutta la tenerezza di chi vede torme di studenti formati da superprofessoroni che in vita loro avranno applicato i loro talenti solo sull’extranet della Nasa.
    La pars construens appena mi sveglio.

    (per intanto un dubbio, ma veramente vi insegnano quella roba sul copyright? “neanche a scopo di lucro”? rob de matt)

  12. In effetti non credo che il problema più grande della comunità dei bloggers italiani ed esteri, sia la mancanza di un’identità forte. Del resto non mi pare che esista una (sola) comunità dei bloggers. L’identità di cui parli rischia di diventare uniformismo, sensazionalismo ed, infine, una marchetta per essere visti, per far parte del gruppo. No, Non mi pare una buona idea.

  13. Per quello che ho letto io sarei:
    1) una che si da le arie perchè mette un disclamer troppo borioso che offende la sensibilità pubblica e per metterelo dovrei mostrarvi il diploma di Projet preso allo IED (mi dispiace non ce l’ho e non ho 12 milioni l’anno da dargli)
    2) una che sfrutta i blog per fare soldi (non sapevo che splinder era stato fondato dai farti francescani)
    3)una cogliona che si fa pagare con il vaglia( come faccio ad avere i soldi per fare un sistema di carta di credito se non metto i banner :-)
    In finale qualsiasi cosa io possa dire troverete sempre qualcosa che ha urtato la vostra sensibilità e questo mi dispiace perchè credevo fosse una cosa utile,dato ch emotli utenti mi hanno scritto per raccontarmi che erano soddisfatti e che mi avrebbero appoggiato nel progetto poichè gli piaceva come avevo organzzato la cosa dando spazio banner gratuito e meccanismi validi per dare visibilità a tutti i blog (come l’azzeramento mensile in modo da non creare i soliti 4 blog famosi in home page ),magari fatemi commenti più specifici sul perchè non vi piace il sito e leggetevi “le regole del gioco” http://www.blog-show.com/come.php ,
    invece di aprire a caso la home page e sprare a casaccio frasi del tipo “è palesemente una cazzata , non andrai da nessuna parte ,guadagni facendo lavorare gli altri (e le comunity su internet come funzionano? a carbone?)”…..
    Io sono pronta a rispondere a qualsiasi domanda di natura tecnica, se vi piace o meno un ingranaggio o se non sopportate l’insieme, ma con delle motivazioni che mi diano la possibilità di replica,perchè sennò facciamo la fine di quelli accusano sensa sapere di che cosa stanno parlando tanto per far vedere che sono altrenativi.
    Grazie a tutti.

  14. Aaaaaaaaaaahhhhhhhh.
    Adoro fare il cagacazzo snob in maniera assolutamente gratuita.
    Battista!! Un altro Martini Dry, e questa volta un po’ più generoso con la vodka, mi raccomando.

  15. Ciao Valentina,
    io sono quello che istintivamente ha definito il tuo lavoro “definitivamente una cazzata”. I giorni sono passati, ho ripensato sopra, ho pensato ai miei esordi (lavorativi) ed all’innocenza delle motivazioni di un/a ventenne. E volevo scriverti per scusarmi.
    Ma ho appena letto il tuo post del 02.08.03 e mi devo ri-credere nuovamente. E’ assolutamente una “cazzata”. Io non sono nessuno per dirti questo, anzi sicuramente di cazzate più grandi ne sono stato padre: è forse per questo che le riconosco.

  16. Scusami Massimo ma non capisco perchè ti devi ricredere solo perchè sono “una ventenne”,se credi che io abbia fatto una cazzata continua a pansarlo. La cosa che non capisco è perchè dici che è una cazzata (libero di pensarlo) senza darmi una spiegazione…..potresti dirmi che secondo te è un sito che magari è fatto male per questo o quell’altro motivo , oppure che è un ‘idea vecchia perchè le classifiche non funzionano più sul web…. io chiedo solo di sapere perchè non vi piace tutto qui.Serve anche a me per crescere e migliorare no?E’ come dire a qualcuno che ti mostra un quadro “è palesemante una cagata” e non spiegargli il perchè….mi sembra solo una presa di posozione…o no?

Rispondi