Buona notte papà

A quest’ora probabilmente avrà gia fatto il giro della rete. Assecondando, quindi, la sua natura la lascio circolare….

Papa’, perche’ abbiamo attaccato l’Iraq?

Q: Papa’, perche’ abbiamo attaccato l’Iraq?
A: Perche’ avevano delle armi di distruzione di massa tesoro.
Q: Ma gli ispettori non hanno trovato nessuna arma di distruzione di massa.
A: Questo perche’ gli irakeni le nascondevano.
Q: E’ questa la ragione per la quale abbiamo invaso l’Irak?
A: Si’. Le invasioni funzionano sempre meglio delle ispezioni
Q: Ma dopo che li abbiamo invasi non abbiamo lo stesso trovato le armi di distruzione
di massa, non e’ vero?
A: Questo perche’ le hanno nascoste bene. Non ti preoccupare, troveremo qualcosa,
probabilmente prima delle elezioni del 2004
Q: Perche’ l’Irak voleva tutte queste armi di distruzione di massa?
A: Per usarle in guerra, sciocchina.
Q: Sono confusa. Se avevano tutte quelle armi che volevano usare in guerra,
perche’ non ne hanno usata nessuna quando gli abbiamo fatto la guerra?


A: Beh, ovviamente non volevano che nessuno sapesse che le avevano, cosi’ hanno
preferito morire in migliaia piuttosto che difendersi.
Q: Ma non si capisce papa’. Perche’ hanno scelto di morire se avevano tutte
quelle armi con cui resisterci?
A: E’ una cultura diversa. Non puoi aspettarti che si capisca.
Q: Non so tu che pensi, ma io credo che non avessero nessuna delle armi che
il nostro governo diceva che avevano.
A: Beh, non e’ cosi’ importante che le avessero o no. Avevamo comunque una buona
ragione per invaderli.
Q: Quale sarebbe?
A: Anche se l’Irak non aveva armi di distruzione di massa, Saddam Hussein era
un dittatore crudele, che e’ una buona ragione per invadere un’altra nazione.
Q: Perche’? Cosa fa un dittatore crudele che fa si che sia OK invadere il suo
paese?
A: Beh, per dirne una, tortura la sua stessa gente.
Q: Un po’ come fanno in Cina?
A: Non fare paragoni fra la Cina e l’Irak. La Cina e’ un buon competitore economico,
e li’ milioni di persone lavorano per salari da schiavi in sweatshop (termine
americano che vuol dire un’impresa che commercia sul sudore altrui) per rendere
piu’ ricche le multinazionali americane.
Q: Ah, allora se una nazione lascia che la sua gente sia sfruttata per il guadagno
delle imprese americane e’ una buona nazione, anche se tortura la sua gente?
A: Certo.
Q: Perche’ torturavano la gente in Irak?
A: Per delitti politici, come criticare il governo. La gente che criticava il
governo in Iraq era mandata in prigione e torturata.
Q: Ma non e’ quello che succede in Cina?
A: Te l’ho detto, la Cina e’ diversa.
Q: Qual’e’ la differenza fra la Cina e l’Irak?
A: Beh, per dirne una, l’Irak era governato dal partito Ba’ath, mentre la Cina
e’ comunista.
Q: Non mi hai mica detto una volta che i comunisti sono cattivi?
A: No, solo i comunisti cubani sono cattivi.
Q: In che modo sono cattivi i comunisti cubani?
A: Beh, per dirne una, chi critica il governo a Cuba e’ mandato in prigione
e torturato.
Q: Come in Irak?
A: Proprio cosi’.
Q: E come in Cina no?
A: Te l’ho gia’ detto. La Cina e’ un buon competitore economico. Cuba invece
non lo e’.
Q: Perche’ Cuba non lo e’?
A: Beh, vedi, all’inizio degli anni 60, il nostro governo ha approvato una legge
che rende illegale per gli americani fare affari con i cubani sino a quando
non la piantano di essere comunisti e cominciano ad essere capitalisti come
noi.
Q: Ma se ci liberassimo di quella legge e aprissimo gli scambi con Cuba, non
li aiuterebbe a diventare capitalisti?
A: Non fare la sapientona!
Q: Non pensavo di starlo facendo.
A: Beh, comunque non hanno liberta’ di religione a Cuba.
Q: Come in Cina e il movimento Falun Gong?
A: Te l’ho detto, smettila di dire cose cattive sulla Cina. Comunque, Saddam
Hussein ha raggiunto il potere con un colpo di stato, quindi non e’ un leader
legittimo in ogni caso.
Q: Che cos’e’ un colpo di stato?
A: E’ quando un generale conquista il potere con la forza, invece di fare libere
elezioni come qui da noi.
Q: Non e’ mica vero che il presidente del Pakistan ha ottenuto il potere con
un colpo di stato?
A: Vuoi dire il Generale Pervez Musharraf? Uh, siii, e’ vero, ma il Pakistan

e’ un nostro amico.
Q: Perche’ e’ un nostro amico se il loro leader e’ illegittimo?
A: Non ho mai detto che Pervez Musharraf fosse illegittimo.
Q: Non hai mica detto che un generale che raggiunge il potere rovesciando il
governo legittimo con la forza e’ un leader illegittimo?
A: Solo Saddam Hussein. Pervez Musharraf e’ un nostro amico perche’ ci ha aiutato
ad invadere l’Afghanistan.
Q: Perche’ l’abbiamo invaso l’Afghanistan?
A: Per quello che ci hanno fatto l’11 settembre.
Q: Che cosa ci hanno fatto l’11 settembre.?
A: Beh, l’11 settembre 19 persone, 15 dei quali sauditi, hanno dirottato 4 aerei
e ne hanno fatti schiantare 3 in palazzi uccidendo piu’ di 3000 americani.
Q: Ma, cosa c’entra l’Afghanistan?
A: l’Afghanistan e’ stato il posto dove quegli uomini cattivi sono stati addestrati,
sotto il governo oppressivo dei Talebani.
Q: I talebani non sono quei cattivi estremisti islamici che tagliavano le teste
e le mani?
A: Si’, erano proprio quelli. Non solo tagliavano le teste e le mani ma opprimevano
pure le donne.
Q: Non e’ mica vero che l’amministrazione Bush ha dato 43 milioni di dollari
ai talebani nel Maggio del 2001?
A: Si’, ma quello era un compenso per aver fatto un ottimo lavoro nella lotta
alla droga.
Q: Lotta alla droga?
A: Si’, i Talebani sono stati di grande aiuto nel fermare la coltivazione dei
papaveri da oppio.
Q: Come hanno fatto a fare un cosi’ buon lavoro?
A: Semplice. Se trovavano qualcuno a coltivare papaveri da oppio, gli tagliavano
le mani e la testa.
Q: Era giusto tagliare mani e testa a quelli che coltivavano i fiori ma sbagliato
quando la tagliavano ad altri?
A: Si’. Va bene quando gli integralisti islamici tagliano le mani a chi cresce
papaveri ma e’ crudele che lo facciano a chi ruba il pane.
Q: Non tagliano mani e teste anche in Arabia Saudita?
A: Quello e’ diverso. In Afghanistan governava una tirannia patriarcale che
opprimeva le donne e imponeva loro di portare il burqa in pubblico, uccidendo
con la lapidazione le donne che non obbedivano.
Q: Ma anche le donne Saudite devono portare il burqa, non e’ vero?
A: No, le donne saudite devono solo portare il tradizionale vestito islamico.
Q: Qual e’ la differenza?
A: Il tradizionale costume islamico che ricopre le donne saudite e’ un semplice
ma elegante telo che copre le donne per intero eccetto gli occhi e le dita.
Il burqa, invece, e’ un malvagio strumento di oppressione patriarcale che copre
le donne per intero eccetto gli occhi e le dita.
Q: Mi sembra come se fosse la stessa cosa con nomi diversi.
A: Dai, non paragonare l’Afghanistan e l’Arabia. I sauditi sono nostri amici.
Q: Ma pensavo avessi detto che 15 dei 19 dirottatori dell11 di settembre fossero
sauditi.
A: Si’, ma addestrati in Afghanistan.
Q: Chi li ha addestrati?
A: Un signore molto cattivo di nome Osama bin Laden.
Q: Lui e’ Afghano?
A: Uh, no, anche lui e’ saudita. ma e’ un uomo cattivo, molto cattivo.
Q: Mi sembra di ricordare che fosse un nostro amico una volta.
A: Solo quando ha aiutato i mujadin a respingere l’invasione sovietica negli
anni 80.
Q: Chi sono i sovietici? Sono l’Impero del Male di cui parlava Reagan?
A: Non ci sono piu’ sovietici. L’Unione Sovietica si e’ sfasciata nel 90 o giu’
di li’, ora hanno elezioni e il capitalismo come noi. Ora li chiamiamo Russi.
Q: Allora i sovietici, voglio dire, i russi, sono ora nostri amici?
A: Ma, insomma. Vedi, sono stati nostri amici per molti anni dopo che hanno
smesso di essere sovietici, ma poi hanno deciso di non appoggiare l’invasione
dell’Irak, allora siamo arrabbiati con loro. Siamo anche arrabbiati con francesi
e tedeschi perche’ anche loro non ci hanno aiutato ad invadere l’Irak.
Q: Quindi anche i francesi e i tedeschi sono cattivi?
A: Non esattamente cattivi ma abbiamo dovuto ribattezzare le French fries (patatine
fritte) e il French toast (pane a cassetta intinto nell’uovo e nella cannella
e poi fritto. Molto popolare per colazione) Freedom Fries e Freedom Toast.
Q: Cambiamo sempre il nome del cibo quando una nazione non fa quello che le
diciamo di fare?
A: No, lo facciamo solo agli amici. I nemici li invadiamo.
Q: Ma l’Irak non era nostro amico negli anni 80?
A: Beh, si’. Per un pochetto.
Q: Saddam Hussein comandava in Irak allora?
A: Si’ ma al tempo faceva la guerra agli iraniani e per questo e’ stato per
un po’ nostro amico.
Q: Perche’ quello ce lo faceva amico?
A: Perche’ allora l’Iran era nostro nemico.
Q: Non e’ allora che ha gassato i Curdi?
A: Si’, ma siccome combatteva l’Iran allora, abbiamo fatto un po’ i distratti,
per fargli vedere che eravamo suoi amici.
Q: Allora chiunque combatte un nostro nemico diventa automaticamente un nostro
amico?
A: Il piu’ delle volte si’.
Q: E chi attacca un nostro amico diventa un nostro nemico?
A: Qualche volta e’ vero anche quello. Pero’, se le imprese americane possono
guadagnare dalla vendita di armi a entrambi, tutto riguadagnato.
Q: Perche’?
A: Perche’ la guerra fa bene all’economia, che vuol dire che fa bene all’America.
Inoltre, dal momento che Dio e’ dalla nostra parte, chiunque si opponga alla
guerra e’ un senza-dio, comunista antiamericano. Capisci ora perche’ abbiamo
attaccato l’Irak?
Q: Credo di si’. Li abbiamo attaccati perche’ Dio lo voleva, vero??
A: Si’.
Q: Ma come facciamo a sapere che Dio voleva che noi attaccassimo l’Irak?
A: Beh, vedi, Dio parla con George W. Bush e gli dice cosa fare.
Q: Quindi, per capirsi, mi stai dicendo che abbiamo attaccato l’Irak perche’
George W. Bush sente delle voci nella sua testa?
A: Sii’! Finalmente capisci come funziona il mondo. Ora chiudi gli occhi, mettiti
comoda e dormi. Buona notte.
Q: Buona notte papa’.

(Visited 25 times, 1 visits today)

46 Comments

  1. Spino 2 cose: a) ma perché non provi a fare le stesse domande alla tua mamma americana? b) Se la tua mamma è americana e hai la doppia nazionalità perché non vai in quel posto meraviglioso che è l’america e magari ti fai marines e vai un pò in giro a portare la democrazia? Un sacco di posti ne hanno bisogno, davvero vai…

  2. ..e mentre noi stiamo qui a cazzeggiare quel legaiolo di Castelli ha appena negato la grazia a Sofri…sarò meschino e infantile ma spero che soffra almeno quanto fa soffrire Sofri e la gente che a Sofri vuole bene, pur non condividendone il pensiero, come spesso mi capita…e già che ci sono stessa sorte auguro ai vari Fassino ed altro esponenti della sinistra per cui voto che stesso gelido calcolo politico hanno posto alla base di una vicenda che di politico non ha più nulla…solo di umano…sono amareggiato…

  3. si consiglia di rileggersi la risoluzione 1441, quella votata quindici a zero dal consiglio di sicurezza. c’è scritto che l’onere della prova era a carico di saddam. magari potete farvi spiegare quello che vuole dire, visto che finora da soli non ci siete arrivati. mi sembra strano, però, chè qui si incontrano persone molto informate e dotte. eppure, su certe cosette …

  4. Umberto tu mi devi proprio dimostrare che non hai armi in casa, perché mi hanno detto che sei una specie di dittatore, picchi i figli, fumi sigarette in salotto e friggi troppo i cibi, ah si poi fai il sapientone. Quindi sai che faccio, ti impedisco di andare al mercato e in farmacia e intanto ti mando la guardia di finanza a frugarti i cassetti, perché (me l’ha detto il tuo vicino) tu nascondi un sacco di armi. Su forza dimostrami che non ce le hai! Se no ti mando i cellerini della scuola Diaz a portarti la democrazia.

  5. Ma della guerra fatta a Milosevic non ne parla nessuno ?
    ci sono guerre che possono essere discusse e criticate e altre che sono giuste perchè vicine a casa nostra?
    il fatto di dover fare una guerra alla CIna perchè è una nazione opprimente è chiaro, ma perchè non è messo in risalto ogni qualvolta c’è un esecuzione capitale a Pechino ? ma solo se è eseguita nel Texas?
    Perchè la morale va bene se è fatta guardando le cose in un modo e non guardando le cose in maniera oggettiva?

  6. Scusa, “perché”, se ti dico un’ovvietà che già sai. Ma mi chiedevo se hai davvero letto il testo che stai commentando. Perché, vedi, oltre a parlare – seppure indirettamente rispetto al suo scopo primario – di esecuzioni in Cina, è basato sullo stesso tipo di retorica che stai usando tu: solo che suggerisce una risposta che non so se sia “più vera”, ma è di sicuro ben più intelligente di quella che insinui tu (ovvero “non si parla della Cina perchè son comunisti”). Il che dovrebbe farti riflettere.

  7. Con la risoluzione 1441 il consiglio di sicurezza dell’onu “Decide di offrire all’Iraq, mediante questa risoluzione, una ultima opportunità di adempiere ai suoi obblighi sul disarmo sulla base delle risoluzioni pertinenti del Consiglio; e di conseguenza decide di istituire un regime potenziato di ISPEZIONI allo scopo di portare a compimento completo e verificato il processo di disarmo” inoltre “Decide che, per iniziare ad adempiere ai suoi obblighi sul disarmo, oltre a presentare le dichiarazioni semestrali richieste, il Governo dell’Iraq deve fornire all’UNMOVIC, all’IAEA, e al Consiglio, non più tardi di 30 giorni dalla data (8 novembre 2002) di questa risoluzione, una
    dichiarazione accurata, piena e completa a oggi di tutti gli aspetti dei suoi programmi di sviluppo di armi chimiche, biologiche e nucleari, missili balistici…” (rapporto consegnato dalle autorità di Bagdad il 6 dicembre 2002). Ma soprattutto la risoluzione 1441 non prevedeva in caso di inadempienze l’intervento militare.

  8. stalker, prendo atto che ti diverti a derubricare un’invasione del kuwait, l’eliminazione tramite gas di centinaia di migliaia di curdi, la cacciata di ispettori onu, numerose risoluzioni del consiglio di sicurezza, fosse comuni con centinaia di migliaia di bambini seploti vivi, 30 anni di dittatura, la sovvenzione al terrorismo internazionale e l’unanimemente temuto uso di armi di distruzione di massa al rango di “mi hanno detto che”. chiedi in giro, forse trovi qualcuno che “ti dice che” hitler ha fatto danni in giro e stalin invece pure. e via con le allegorie da simpaticoni.
    per guanciotte : la risoluzione 1441 parla di “serie conseguenze”, che nel caso di un tiranno genocida è ipocrita interpretare come “buffetto sulla guancia”. se dài un ultimatum a gente di quel tipo o sei credibile o non lo fai per niente : infatti saddam ha cominciato ad ammettere l’ipotesi di far finta di collaborare solo quando venivano ammassate truppe degli alleati alle sue frontiere. inoltre, il rapporto presentato da saddam ammetteva la presenza di missili dalla gittata superiore a quanto consentito, ed è stato comunque giudicato incompleto e insoddisfacente da tutti i soggetti coinvolti. se poi tu sei convinto che uno con il curriculum di saddam hussein meriti il trattamento di appeasement riservato nel 1938 ad hitler, vuol dire che la storia non ha insegnato nulla. a te. per fortuna c’è gente che la pensa in maniera diversa e che si fa qualche problema prima di arrovellarsi nel tentativo di trovare un motivo valido per fermare un tiranno assassino.

  9. Che Saddam mentisse sulle wmd deve ancora essere dimostrato. In ogni caso la 1441 NON prevedeva un intervento militare in Iraq (indipendentemente da cosa mi ha o non mi ha insegnato la storia).

  10. comprendo che tu non lo voglia comprare, chè per te fa l’effetto del sole con i vampiri. ma fatti prestare il foglio di oggi, e leggiti l’editoriale dell’economist (hai presente si ? quel giornale osannato la sinistra tutta quando parla male di berlusconi. proprio quello). lì ci trovi tutto, comprese le menzogne di saddam sulle wmd e la risoluzione 1441 e come saddam avesse l’onere della prova e non lo abbia rispettato. sta tutto lì.

  11. Aldilà delle “considerazioni” (che ho appena letto sul sito del foglio) dell’economist, la risoluzione 1441, anche nel caso di inadempienze, non prevedeva l’intervento militare (per il quale si sarebbe dovuta votare eventualmente un’altra risoluzione). Per convincersene basta leggere la risoluzione stessa. Che palle.

  12. Prima le guerra era stata fatta per il petrolio.
    Ora è più comodo affermare che il motivo fossero le WMD.
    Ora non si trovano, ma ci si è scordati che Saddam le ha possedute le wmd ? Che Saddam ha dato prova più volte di pericolosità ? Che ha massacrato migliaia di iracheni ? Sulla legalità della guerra si può discutere… sul fatto che fosse legittima e opportuna molto meno.
    La guerra non è stata fatta per le armi di distruzione di massa. E’ un semplice espediente retorico.

  13. Ma qui è inutile sprecare fiato. Quelli che hanno fatto la fila per leccare il culo del vice premier irakeno in visita a Roma, che manifestavano solidarietà a Saddam, che parlano di resistenza; si proprio RESISTENZA, per definire le bande armate che tendono agguati e uccidono i marines in Iraq, questi non capiranno mai. Prima il petrolio, poi le armi che non si trovano, poi il saccheggio del museo, poi le false carte della cia sulla compravendita di urani e poi e poi: Troveranno sempre qualche appiglio. Noi ci consoliamo, nel mondo c’è un figlio di puttana in meno che può destabilizzare il medioriente. Grazie agli USA.

  14. si prevedevano serie conseguenze. vogliamo fare i pignoli sulla pelle degli esseri umani ? ti ci diverti ? bene. anzi, male, malissimo. allora per essere pignoli non si era mai chiusa la risoluzione che prevedeva l’uso dell’intervento militare in caso di inadempienza alle risoluzioni post prima guerra del golfo, palesemente violate. mi chiedo davvero cosa abbiano fatto di male le persone salvate dal regime di quel genocida perchè gente comoda e benestante con pieno diritto di esprimere i propri pensieri come te qui in occidente si eserciti nell’arte del cinismo sulla loro pelle. non si tratta di discutere sull’urgenza di un decreto ingiuntivo, quella gente sta ricominciando, lentamente e con difficoltà, a mettere fuori la testa dalle catapecchie dove stavano rintanati per paura di essere massacrati da un tiranno. continui, in buona compagnia, a chiedere la giustificazione giuridica di averli liberati. io chiedo a te : qual è la giustificazione morale di sostenere una posizione secondo la quale avrebbero dovuto essere massacrati ancora fin quando non fosse caduto il pelo sullo stomaco a russi, cinesi e francesi ? la legge morale in questi casi ha più importanza di quella giuridica : si tratta di genocidio, di sterminio. non puoi, non possiamo far discendere il diritto di persone innocenti a non essere gasate e uccise dall’esistenza o meno di un cavillo.

  15. Senti umbertino, io non ho chiesto un bel niente, tu hai tirato fuori la 1441 e io ho precisato che quella risoluzione non prevedeva un intervento militare in iraq nemmeno in caso di inadempienze. Fine.

  16. la fai facile, guanciotte. scripta manent, il web è pieno di tuoi interventi. ma ti capisco, partendo dalle tue posizioni, dichiarazioni, considerazioni, anch’io sarei in grande difficoltà.

  17. PRIMA_PAGINA

    Lo scienziato, esperto di armi batteriologiche, trovato in un bosco nell’Oxfordshire. Ancora non rivelate le cause del decesso

    Dossier sull’Iraq, muore l’uomo dei misteri

    Kelly fu accusato di essere la talpa della «Bbc» nella polemica sulle prove contro Saddam gonfiate da Londra

    LONDRA – E’ stato trovato morto, in un bosco a 8 chilometri dalla sua casa nella campagna dell’Oxfordshire, lo scienziato (ed ex ispettore Onu sulle armi) David Kelly. Cinquantanove anni, era stato indicato come la fonte dello scoop Bbc sui dossier di intelligence resi volutamente più «drammatici» dal governo britannico per giustificare l’attacco all’Iraq. La sua morte (le cui cause non sono ancora chiare) ha avuto ripercussioni politiche immediate: il premier Tony Blair, in visita a Tokio, ha promesso un’inchiesta indipendente sulla vicenda, ma potrebbe anche far tremare il governo alle fondamenta. Blair aveva respinto fino a ora le richieste di un’inchiesta più ampia sul caso della guerra in Iraq.

  18. Cazzo che cattivone che era saddam e che buoni che sono gli americani, si fanno uccidere per fare in modo che il medio oriente non sia destabilizzato, e poi, caspiterina sono un po’ ingenuotti, quando saddam era buono e gassava solo i curdi gli hanno dato tutti quei soldi ma loro, non si erano resi conto che era un dittatore ottuso, anzi un figlio di puttana che li aveva ingannati, che buoni che sono gli americani, c’era mia zia che gli era finito il gatto sull’albero e un marines ma tu pensa la tirato giù. Ma poi io fermamente credo che per cambiare le cose in medio oriente c’è proprio bisogno di occupare un paese così ricco di petrolio così se lo tengono solo i paesi democratici dell’occidente e così non c’è più casino laggiù, e se c’è casino facciamo un’altra guerra con quelli accanto e poi come a risiko se conquisto tutta la regione c’ho più carrarmatini il prossimo giro. Ah si se poi dico un sacco di bugie beh che mi frega, se ragiono male che mi frega se devo uccidere che mi frega se c’è molta più paura che mi frega, se molta più gente mi odia che mi frega. Che mi frega di fedayn lui sputa nel piatto dove mangia e questa meravigliosa libertà è fondata sulla costituzione americana, sulla splendida bandiera stelle e strisce, che spero sinceramente che un giorno sarà la bandiera di tutti noi, così liberi e ricchi e felici potremmo andare in giro per il mondo governati da una sola nazione: (se non l’avete capito) i grandi STATI UNITI D’AMERICA e anche il fedele Regno unito (me l’ero quasi scordato ahimè).

  19. Pare si tratti di suicidio, non di omicidio con giallo.Non che la cosa mi cambi di molto; trovo terribile portare un uomo al suicidio e il tizio che lo interrogava se le dovrebbe infilare nel naso Meno dovreste sconvolgervi qui, se mai vi ha sconvolto Mani pulite, che di suicidi ne ha una lista sterminata. Comunque – Il Foglio-Economist: …”Il dittatore iracheno aveva firmato un accordo nel 1991, dopo la prima guerra del Golfo, in forza del quale si era impegnato a sbarazzarsi entro un anno delle sue armi nucleari, chimiche e biologiche, a smantellare i missili balistici a lunga gittata, e a smettere di maltrattare il suo popolo. Ma
    non rispettò i propri impegni, e gli ispettori
    dell’Onu giunsero alla conclusione, con l’aiuto delle indiscrezioni ricevute da vari disertori, che avesse nascosto le sue armi. Per esempio, dopo aver in un primo tempo negato di aver mai prodotto un gas nervino letale chiamato VX ed essere stato smentito da un ritrovamento, ha affermato di averne prodotti 200 litri; ma gli ispettori dell’Onu hanno poi dimostrato che ne aveva prodotti almeno 3.900 litri. Essendosi stabilito che di Saddam non ci si poteva fidare, gli ispettori lasciarono l’Iraq nel 1998. Considerando che, nel 2002, si era già infischiato di ben 16 risoluzioni dell’Onu, qual era il mezzo mi-gliore per convincerlo ad accettare il ritorno degli ispettori? Ponendolo di fronte alla concreta minaccia di mettere in pratica la misura estrema prevista da queste risoluzioni, ossia l’uso della forza, nel caso di un suo rifiuto. Ciò ha richiesto lo
    stazionamento di truppe ai confini iracheni
    e l’approvazione di una nuova risoluzione
    dell’Onu a novembre. Tutto questo non è stato messo affatto in dubbio dalla mancata scoperta di armi di distruzione di massa. E’ assolutamente provato che Saddam le ha avute, ne ha fatto uso e ha cercato di nasconderle. Per di più nessuno dubita che sia un dittatore brutale e senza scrupoli, che ha ucciso centinaia di migliaia di suoi concittadinie ha nutrito ambizioni di dominio su tutta le regione medio orientale: negli anni Ottanta ha combattuto contro l’Iran, nel 1990 ha invaso il Kuwait, minacciando anche Israele e Arabia Saudita, e nel 1994 ha di nuovo minacciato il Kuwait. Era insomma un uomo pericoloso, nelle cui mani armi così distruttive rappresentavano un’autentica minaccia, sia per la pace nella regione, sia, grazie al potere che conferisce
    il controllo delle riserve petrolifere mondiali,
    per quella di tutto il nostro pianeta.”.. Saranno anche stati gonfiati, i dossier, ma scusate se me ne frego;era un dittatore pericoloso e sanguinario, destabilizzante. Le armi di certo le aveva, come ha avuto il tempo di imboscare e traslocare tutto, grazie anche alla manfrina Onu.Lo stesso Blix, dopo che se ne sono andati, ammetteva ci fossero altissime possibilità che l’ Iraq avesse armi di distruzione di massa, salvo poi, con la sua proverbiale serietà, ritrattare e poi ancora riconfermare ( detto io, che sta bene a cercare mirtilli! Ne troverà serre intere e non le vedrà, perchè i boscaioli si stizziscono, altrimenti ). Scusate se non mi sconvolgo per i dossier gonfiati; quello che hoh sentito e visto dopo è stato fuori da ogni immaginazione; ehi! hanno trovato fosse comuni con i cadaveri di bambini seppellitti vivi ! Più quello che vediamo e sentiamo da chi è scampato. Hitler, al confronto, era un birichino! E io devo menarmela perchè hanno gonfiato i dossier, altrimenti le anime belle avrebbero chiuso gli occhietti per altri vent’anni? Nada!Non me la meno e anzi, vi guardo anche un po’ storto, se proprio devo avere qualche emozione al riguardo.

  20. Ehi ma quando andiamo a fare il culo a qualche altro dittatore? Però non deve essere troppo forte, se no come facciamo a fare bella figura? Deve essere qualche staterello con un esercito debole (tanto poi ci pensiamo noi a pubblicizzarne la forza), meglio ancora con un non-esercito così poi ci divertiamo a guantanamo. Io c’ho la mia lista personale che spero che qualcuno possa far presente al governo degli stati uniti (io sono un misero italiano leccapiedi): allora io farei il culo a fidel ché è un comunista, poi passerei a Pahlevi (uh no quello ce l’avevamo messo noi) volevo dire a Khamenei-Khatami ché opprime gli studenti, poi se in arabia saudita sale un successore che ci piace passerei alla siria ché ospita saddam, poi direi la corea ché è un pò che non si bazzica quelle zone (ma solo se non è vero che c’ha la bomba atomica se no rischiamo il casino), ora se il sudamerica non accetta l’equo trattato commerciale che gli stiamo democraticamente proponendo io direi che quel comunista di lula…

  21. Scusate se stanotte ammorbo con i commenti, immagino che già sappiate del sito http://warnews.it/ che raccoglie le schede dei vari conflitti (compresi quelli a bassa intensità) che attualmente ci sono nel mondo, potrebbe interessarvi, ve li incollo qui solo per curiosità, per informazioni vedete il sito direttamente. Allora sul menù abbiamo: Cecenia, R.D.Congo, Uganda, Iraq, Nepal, Paese Basco, Colombia, Ruanda, Kashmir, Aceh, Irlanda del Nord, Abkhazia, Burundi, Sudan, Afghanistan, Angola, Algeria, Medio Oriente, Filippine, Birmania, Liberia, Somalia, Eritrea-Etiopia, India, Macedonia, Sri Lanka, Molucche, Nigeria, Sierra Leone, Papuasia Occidentale, Kurdistan, Senegal, Chiapas, Congo, Brazzaville, Costa d’Avorio, Rep.Centrafricana.

  22. ecco appunto, direi che la tua alternativa agli stati uniti li risolverebbe tutti. a proposito, qual è la tua alternativa, a parte fare sarcasmo sulla morte della gente ?

  23. Questa immagine degli USA che fanni i bulli con i dittatori deboli al grido di ” andiamo a fargli il culo ” è di una puerilità deprimente.
    Certo facevi sarcasmo ma non si allontana molto dall’idea che hai.
    Il post di Uiallalla che ricorre ad un bambino che fa domande per dimostrare l’illogigità della guerra fa cadere le braccia : insomma basterebbe guardare le cose con l’innocenza di un bimbo per capire che la guerra è sbagliata.
    Questa insistita dicotomia buono – cattivo è semplicemente ridicola.
    Insomma argomenti seri per essere contrari alla guerra ce ne sarebbero, voi vi accontentate di fare la caricatura degli argomenti di chi è favorevole.
    A Stalker vorrei dire che fare una guerra è molto dispendioso : costa vite umane, costa soldi ( mai sentito parlare di soldi ? ) costa in termini di popolarità se la guerra dura molto e costa attriti internazionali.
    Perciò considerare la forza del nemico per decidere se intervenire non è da bulli di provincia che se la prendono con i deboli.Cercate di usare argomenti che abbiano un minimo di consistenza.

  24. Umberto, capisco che tu sia completamente e fedelmente convinto che la guerra a saddam sia stata giusta ed inevitabile e che ogni domenica vai in chiesa a pregare san siepe che ti metta la benzina nel serbatoio, ma ti prego smettila di fare domande in cui insinui che la mia ironia pacifista è fatta sulla pelle della gente, perché non mi sembra che 12 anni di embargo e un’occupazione militare abbiano preso seriamente la vita della gente che ti sta così a cuore (ipocrita). Per matthias che dire: come competere con il tuo macchiavellico realismo? Un po’ debole logicamente: allora tu sostieni che la dicotomia buono-cattivo è ridicola (e puerile). Poi mi proponi due premesse che dicono: a) le guerre costano (vite e soldi) ; b) sono impopolari (a livello internazionale e nell’opinione pubblica). La tua conclusione c) è che considerare la forza del nemico non è da bulli. Ci sono altre due conseguenze che seguono da a) e b): d) allora si deve attaccare il più debole (che era quello che sostenevo io); e) gli americani sono andati in irak perché sono disinteressati (visto quello che ci perdono) ergo sono buoni (che è quello che ritieni puerile). Altro link a proposito della pelle della gente che umberto difende con così onore (manda avanti gli americani e i loro argomenti) http://www.iraqbodycount.net/

  25. caro umberto, cara rolli… il giorno che spino e leonardo verranno a prendervi a casa con la milizia di prodi asserendo che dal loro dossier (falso ovviamente) risultate aver stuprato l’amichetta di kobe briant, forse comincerete ad avere una pallida idea del perche’, in democrazia, ingannare chi ti vota e’ un filino grave… e vale sia per la destra di Bush che per la sinistra di Blair, sia per le cazzate di Berlusca che per quelle di D’Alema…

  26. X Stalker :
    Vorrei correggere alcune conclusioni che hai ritenuto di dedurre dal mio post .
    d) Attaccare il più debole non è necessario ma va considerato e non è una opzione o un atteggiamento da bulli come lasciavi intendere tu . E’ evidente che era questa interpretazione che contestavo nel tuo intervento. Chi agisce deve tener conto di non disporre di risorse infinite.
    e) questa serie di conseguenze logiche che fai dalla mia premessa è ridicola : ti elencavo i forti costi di un intervento in Iraq proprio per sottolineare il peso del concetto espresso in d).
    E’ evidente ( veramente evidente, scusa ) che ci sono anche dei motivi che spingono ad un intervento e che quindi l’intervento non fosse ” disinteressato” come dici tu e che quindi gli americani non sono stati buoni. Ci sono interessi legittimi ? La sicurezza nazionale lo è ? Evidentemente si ! Il processo di pace in m.o. non ha ricevuto un grosso aiuto dall’esito della guerra in Iraq ? Caspita ma allora gli americani avevano anche interessi di mezzo. Allora sono cattivi. O sono buoni ? Lascio a te le questioni di alta filosofia. Ora mi dirai :” ma quale sicurezza ? Saddam non era pericoloso : non aveva le WMD!”. Non so se le abbia o no. Certamente le ha avute, e fare vedere al mondo che cosa rischia uno stato che appoggia il terrorismo mi sembra un valido deterrente ed un buon argomento a favore della sicurezza.
    Ci sarebbe poi il discorso “marginale” dei massacri di Saddam al suo popolo … ma questi argomenti vedo che non vi scaldano molto.
    Una volta chiarita ( spero ) la logica del mio intervento vorrei parlare del tuo sarcasmo sul ” machiavellico realismo” che mi attribuisci ( mi dai del cinico ?).
    Quando parlo della dicotomia buono- cattivo intendo dire che è un modo di banalizzare le questioni. Pietro Ingrao ha invitato ad appoggiare il popolo Iracheno occupato dagli USA (!), non credo che con questo volesse dire che Saddam è buono e gli americani cattivi. Tirare fuori la bonta è la cattiveria è semplicemente, in politica, lessico da bambini che ha infatti coerenza con il post di Uiallalla. Questo non significa che nelle decisioni non siano presenti esigenze morali o valori o ideali.

  27. Divertente. Mathias dice che le WMD ci sono state, ora non importa dove siano e Corvo Torvo esce fuori con la domanda alla quale Mathias aveva già risposto. Sulle WMD c’è poco da dire. Non butto fuori da casa mia un ispettore senza motivo, non temporeggio così, non prendo per il culo gli ispettori sin quando non ho una pistola puntata alla tempia. Saddam ha collaborato? No. Poi volete credere alle parole di Saddam (quando si diceva “innocente”)? E’ come credere a Matteo Boe che dice di non aver rapito nessuno. Dov’è saddam? Da buon codardo si nasconde, chissà dove, chissà da chi è protetto. Io spero che venga trovato e processato, sicuramente c’è chi spera che non sia mai trovato così da poter dire: a) gli USA hanno fallito b) gli USA erano d’accordo con Saddam e ora lo nascondono. Dov’è la democrazia? Non ci sarà ancora un governo ma cazzo è palese che si è 10 spanne sopra di come si stava con Saddam. E ora tutti lì a dire: mancano i servizi, il popolo è affamato, assetato. ma credete che prima non ci fossero di questi problemi? Credete che prima si stava meglio. No, non si stava meglio (e non perchè c’era l’embrago), tutti i soldi finivano nella mani di Saddam, il popolo moriva di fame, stenti, malattie. Solo che nessuno lo diceva, perchè c’era una sola voce, una sola “informazione”.

  28. Mi trovo costretto a postare un altro commento. Ho visto il blog di Corvo Torvo e ora capisco le sue idee. Caro CorvoTorvo, certo Indymedia (come tutta la controinformazione) non è una fonte affidabile, poi se tu ti affidi a quanto leggi lì, amen. Tanto vale affidarsi al buon vecchio ministro dell’informazione irachena. Un certo Paolo Attivissimo (www.attivissimo.net) si è divertito tanto a smontare una delle immense bufale della controinformazione. Prego cercala, chissà perchè anche lì si parla di CIA, così come fai tu. Anche Marco Biagi è stato ucciso dalla CIA, vero? Ah no, aspetta di sicuro anche Kennedy, a reagan è stato un agente della CIA a sparare, vero? Io questa la chiamo paranoia, non so voi.

  29. Non hai bisogno di ipotizzare un futuro fantascientifico, mio caro Wile; non te ne sei accorto ma le milizie hanno già lavorato alacremente. I sistemi di cui parli, qui in Italia, già sono esistiti; c’è gente che si è uccisa in carcere per questo, e nelle salette d’attesa, come Lombardi, ad esempio. Immagino non ti dica nulla Moroni e tanti altri, sbattutti dentro e riconosciuti innocenti dopo lunghi processi; magari dopo che nel frattempo si erano ammazzati. Non c’è bisogno di sostenere la guerra in Iraq, sai; basta essere dalla parte sbagliata qui. Comunque, il giorno che dovessero arrivare le milizie prodiane, spero che le amicizie che ho mi abbiano già avvisata, e quindi sarò già a Parigi. Mi indagassero anche per una caramella scartata, io prima emigro e poi mi difendo.

  30. Stalker, non capisco davvero perchè ti debba rendere ridicolo sragionando di gente che va in chiesa. Che c’entra la chiesa ? Tu ci vai ? IO no, ma rispetto chi ci va fin quando non danneggia me … io sono ateo. Tiri fuori questo discorso per cambiare le carte in tavola. Non parli di una tua alternativa perchè non ce l’hai, e allora cerchi di arrampicarti sugli specchi parlando di altro. l’embargo era deciso da quell’onu alla quale quelli contro la guerra, tra i quali presumo ci sia anche tu, pretendevano e pretendono di delegare la sorte di intere popolazioni (vedi srebrenica, te la raccomando l’onu). in ogni caso, non puoi accusare gli stati uniti di un embrago deciso dall’onu e poi accusarli anche di aver distrutto l’onu stessa. circa come si stia ora in Iraq, nel paese che tu definisci occupato, ho linkato sul mio blog un articolo segnalato su I Love America scritto da uno scrittore iraniano che, a chi ha la voglia di imparare, apre un po’ gli occhi sulle fandonie che andate dicendo. vedi un po’ tu se è il caso di leggere cosa dice uno appartenente a quella etnìa che secondo i pacifisti a senso unico doveva scatenarsi contro gli invasori americani, magari impari qualcosa di nuovo. e guardati un po’ allo specchio, così trovi la persona alla quale devi dare dell’ipocrita.

  31. Sandman: i riferimenti che ho fatto sulla Cia erano più che altro provocatori, niente di più.. che poi sia invischiata in loschi affari etc… mah, chi lo sa? tu lo sai? certamente sì, da come ti “esponi” credi di sapere TUTTO. Ps: io non mi affido solo a quanto leggo su indimedia, non so come tu sia potuto arrivare ad un tale conclusione, cmq… non importa.

  32. Matthias: anche citare la sicurezza nazionale americana come un buon motivo per la guerra è una banalizzazione per deciderne la legittimità. Non è che posso farti l’analisi logica di tutti gli interventi, ma ancora da questo si evince che ricadi nell’argomento che vuoi criticare (la puerilità della categorizzazione buono-cattivo), proprio quando sostieni che gli americani sono legittimati a fare la guerra (cosa falsa, visto che non c’è una risoluzione onu in proposito), ma sono quisquilie no? Umberto: Ma che mi frega che sei ateo? credevo che sapessi l’inglese. Allora l’onu ti fa comodo quando devi criticare i pacifisti, ma ti dimentichi di avvertire che nello specifico questa guerra è stata una aggressione di USA-UK. Sai ho letto anche altri articoli di Amir Taheri, sono d’accordo con lui l’irak adesso è un paradiso, perché non ci organizzi le vacanze? Ma hai controllato chi è Amir Taheri? E’ “uno appartenente a quell’etnia”? (non sai neanche quello che dici) Va beh! Ah si mi ero scordato l’alternativa prima, ché poi sembro un pacifista non costruttivo: non fare la guerra, non era difficile, ci potevi pure arrivare da solo. Uno è ipocrita quando simula (finge) bontà o umanità, allora quando tu dici che la guerra è stata fatta per cacciare saddam il sanguinario o sei ipocrita (perché mascheri questa guerra sanguinaria con la bontà o l’umanità degli aggressori) o non ti rendi conto della realtà delle cose (anche superficiale, i tuoi amichetti bush e blair hanno attaccato senza mandato onu perché dovevano disarmare saddam, ma dove sono le armi che gli dovevano essere tolte? E su cui hanno spudoratamente mentito). Non posterò ulteriormente devo lavorare, quindi divertitevi voi. PS. Non capisco perché se vi piacciono tanto non andate a vivere negli stati uniti, proprio non lo capisco.

  33. Stalker, tu hai scritto “ogni domenica vai in chiesa a pregare”, io ho risposto a questa tua idiozia, scritta in italiano e dunque perchè adesso parli di inglese ? mai ci sei o ci fai ? amir taheri è un iraniano. Hai presente dov’è l’Iran ? In Medio Oriente. Hai presente cosa dicvevano i tuoi amichetti pacifinti (d’amore e d’accordo con Saddam, che continua a ripeterlo) ? Che l’intero Medio Oriente, compresi gli iraniani, si sarebbe ribellato contro gli USA. E invece un iraniano spiega ai testoni come te che non vogliono capirlo che in Iraq ora si sta meglio, e sempre meglio si starà, alla faccia della guerra di occupazione della quale vai cianciando delirando. Sul mandato ONU ti rimando a quello che ho ricordato nei post precedenti, la guerra in Iraq è stata fatta anche per liberare un popolo dal suo dittatore, il quale costituiva una minaccia per tutto l’occidente, comprese le tue belle chiappe comode che come alternativa da concedere alle fosse comuni hanno ideato la solidale idea di continuare a fottersene se altri esseri umani vengono massacrati. hanno trovato 300.000 morti nelle fosse comuni, e tu parli di “guerra sanguinaria” ? dove sta il body count di quel dittatore che tu avresti lasciato tranquillo a massacrare il suo popolo ? dovresti vergognarti. sulle armi sai benissimo che se fosse blix oggi a chiedere tempo tu e i tuoi amichetti imbelli sareste i primi a concedergli tempo, cosa che vi arrogate il diritto di non fare ora in base a non si sa quale mandato, con una guerriglia ancora in atto. o pensi che laddove ogni giorno muore un soldato americano per gli attacchi degli ultimi combattenti di saddam la zona sia a disposizione degli alleati per verificare se ci sono le armi ? vai a lavorare, ma prima dovresti studiare un po’ di più. e sul dove andare a vivere, ti consiglierei l’Iran così ti accorgeresti di cosa significa vivere senza diritti sotto un regime che confonde il potere religioso con quello politico. parlando con quelli che stanno lì capiresti perchè il paese al quale chiedono con una sola voce insieme con i loro compatrioti in esilio di liberarli sono sempre e soltanto gli Stati Uniti.

  34. Scusa se m’intrometto, ma mi sembra, poi posso anche sbagliarmi, che la prima cosa che abbia detto in modo tra l’atro molto esplicito il “capo” degli studenti iraniani in lotta sia stato che non volevano che gli Stati Uniti non s’intromettessero, non avendo dimenticato i terribili anni dello scià. Credo…

  35. Guerra legale o guerra legittima?
    Secondo il mio infimo e atomico parere la guerra era anche legale.
    Sul fatto che fosse legittima e opportuna non mi voglio più dilungare.
    Prima della guerra venne in Italia un famoso teologo per contatti diplomatici con il Vaticano per spiegare con gli stessi argomenti di Umberto perchè la guerra fosse anche legale.

  36. naturalmente anch’io posso sbagliarmi. ho letto di quel leader che, credo, sia lo stesso di cui parli tu, corvo torvo. però ho letto anche molti appelli ad essere aiutati da parte degli iraniani. i loro amici in esilio hanno una forte comunità a los angeles (la chiamano teherangeles). sicuramente il ricordo dello scià pesa sugli USA agli occhi di alcuni iraniani, è vero. ma se io fossi uno studente iraniano mi resterebbero solo loro ai quali chiedere aiuto. è per questo che vado in giro a chiedere alternative …

Rispondi