The land of the free

Siccome sono un po’ masochista, sono andato a leggermi le reazioni sui blog di area neocon alla recente abrogazione della legge anti-sodomia in Texas. Tenetevi forte, perché c’è da ridere.
Leggo su Andrew Sullivan: “But each day now, I can feel freedom dawning in this land again. The struggle of so many for so long is beginning to come true. What a privilege, what a joy, to be alive to witness it.”
Un kleenex, presto. Siamo contenti anche noi Andrew, per questo repentino passaggio dello Stato del Texas dal Medioevo all’Illuminismo (come dice Valeria nei commenti al post precedente su Tom), ma giusto un filo di retorica in meno non guasterebbe. O forse il Nostro ha rivisto Radici sulla cable l’altra sera e si è commosso, chissà.
Ma il vero capolavoro è come presenta la notizia Christian Rocca, con il consueto stile equilibrato e obiettivo così tipico anche del suo quotidiano: “E infatti la Corte ha abolito l’antica legge del Texas che vietava gli atti sessuali tra gay. La libertà, nonostante gli gné gné dei cretinetti, in Occidente non è mai in pericolo.”
Eh sì, Rocca, hai proprio ragione. In fondo cosa sono solo 17 anni in cui secondo la legge della tua freedom land i gay texani potevano anche farselo tagliare, visto quanto erano liberi di usarlo? È proprio vero, gli anni volano via in un soffio.

(Visited 8 times, 1 visits today)

15 Comments

  1. Ok Rocca: visto che oggi ti permetti pure di dichiarare che sul tuo blog che guarda caso non offre la possibilità di commentare: “C’è chi ci spiega come le libertà americane siano in pericolo. Ogni cinque minuti viene smentito”, e visto che Santorum l’hai tirato fuori tu per tentare di spostare il discorso dalla mia critica a come hai esposto la notizia dell’abrogazione, rileggiti quello che diceva proprio Andrew Sullivan che tu ammiri così tanto in aprile, quando Santorum si dichiarò a favore del mantenimento della legge anti- sodomia: “No war is worth fighting if our political leaders feel contempt for basic LIBERTIES at home.” E già che ci sei, rileggiti anche quello che dice ieri: “It was a law entirely constructed to stigmatize gay people. It had no other conceivable purpose.” E adesso spiegami. Perché Sullivan si scalda tanto? Perché tutti i gay americani oggi fanno festa in strada? In fondo potevano scopare come volevano anche in Texas, no? L’hai detto tu. Tanto quella legge non è mai stata applicata. l’hai detto tu. Il caso Lawrence? Ah sì, è vero. Ma è successo una volta sola, e poi anche tu ne avevi parlato e questo basta. Su coraggio, voglio ancora una dose della “verità secondo Rocca” per il weekend, ormai non posso più farne a meno. Ridimmi ancora una volta che “la libertà in Occidente non è mai in pericolo”. Insomma, valli un po’ a capire sti froci, eh? Che cazzo avranno da essere tanto contenti, se poi anche prima potevano incularsi come più gli pareva? Evabbé, in Texas era un reato, ma era convenzione non applicarlo. Poi se qualche pirla l’ha fatto non è mica un problema tuo: vorrà dire che si è permesso di infrangere una convenzione a non applicare una legge costituzionale. Chissà come mai oggi Sullivan, The Advocate, Gay.it, Arcigay e anche questo di Tom che Rocca non si sogna nemmeno di nominare sul suo blog (diocenescampieliberi che poi magari gli regala anche un link, non sia mai) avranno da scaldarsi tanto? Erano liberi di fare quello che volevano anche prima. Ripeto per l’ennesima volta: l’hai detto tu, Rocca. Solo tu potevi dirlo. E per finire. Abbi almeno la correttezza di nominare chi ti critica firmandosi con nome e cognome sul tuo blog, come ho fatto io. È davvero troppo facile accusare di “avermi smentito ogni 5 minuti” (e di cosa, poi? Ricordamelo) senza nemmeno nominarmi su un blog senza commenti. Ho un nome e un cognome. Usalo, come io ho usato il tuo. Il tuo atteggiamento la dice lunga sulla tua correttezza professionale e sul tuo ego di proporzioni abnormi. Non invidio proprio chi lavora con te. Stammi bene, ora torno felicemente a non leggerti come prima.

  2. Oddio oddio non mi ha citato, non mi ha citato !
    Sti blogger sono proprio isterici.
    Oltretutto scrivere una cazzata capita a tutti, ma il fatto che sia in bella evidenza e commentata da molti obbliga i blogger a difendere la cazzata con le unghie.
    Basta dai ! Più cerchi di difenderti e più ti sputtani.

  3. Mathias credimi, di un link su Camillo mi importa ancora di meno che di sapere che Rocca non legge il mio blog. Non me ne faccio proprio niente. Ma non sono anonimo, a differenza di te e di 1972, tanto per fare due esempi. E se mi viene in mente di fare un post in cui critico l’opinione di un altro blogger, possibilmente ne indico il nome. Fare un post su qualcuno dichiarando di averlo smentito senza nominarlo, visto che guarda caso lui il suo nome lo usa sempre, non mi pare corretto. Piuttosto preferirei che Rocca si limitasse a rispondermi nei commenti qui, dove almeno ho la possibilità di ribattere. Mi dispiace solo per lo spazio abusato sul blog di Gianluca, e mi rammarico di aver dedicato così tante parole a Rocca oggi, quando potevo spendere molto meglio il mio tempo. Buon weekend.

  4. vabbé ho capito. paolo colonna è convinto che io abbia scritto un articolo per Il Foglio (scritto peraltro quando qui la discussione non era iniziata) pensando a lui. Io la mattina mi alzo, vedo che succede nel mondo, e mi guadagno lo stipendio per rispondere sul foglio a paolo colonna. Questo pensa lui, che mi accusa di ego spropositato. Tutte le mattine, in riunione di redazione, facciamo così: che pensa Paolo colonna della Sme? E della sentenza della corte sulla pena di morte? E della fame del mondo? Io riferisco e poi facciamo il giornale.
    (La cosa spiega tutto, in effetti).
    Sul merito, ammesso che abbia senso, visto che sulla procedura non c’è niente da fare. E’ ovvio che i gay, i sullivan e i rocca siano contenti. Dovrebbero essere incazzati? Avrebbero, avremmo, dovuto tifare il contrario? NOn si capisce il senso del ragionamento per cui, quando abbiamo scritto – unici – articoli contro Santorum, siamo stati accusati di nonsochè perché criticavamo chi voleva vietare che la gente si inculasse (termine di colonna). Ora che la corte suprema dice in punta di diritto le cose che dicevamo noi, abroga le leggi anti gay (e tra l’altro anche anti sodomia etereosex) e manda a quel paese i Santorum, gli stessi ci accusano di farlo notare e di esserne contenti. La frase di Sullivan che tu hai citato, se solo facessi lo sforzo di leggerla, non dice che in Texas non ci si poteva inculare (termini tuoi) dice che Santorum è uno stronzo illiberale (termini miei) perché chiedeva alla Corte di impedire il sesso omosessuale. La Corte ovviamente gli ha fatto marameo.
    In Texas, e te lo ripeto, il sesso tra omosex era permesso. La legge, ancora vigente e sia pure non dichiarata incostituzionale 17 anni fa, era per convenzione (che in quel sistema vuol dire “legge”) non applicata. Quella legge era, per legge, una non legge. Did you understand? Ora grazie a una sentenza-legge, quella legge che già non era legge deve essere cancellata materialmente da tutte le raccolte di leggi di tutti gli Stati. Anche se nessuno la applicava. Così lo capisci? Qualcuno può fargli un disegnino? Quando un poliziotto e una corte di Houston hanno deciso di riesumarla su segnalazione di un vicino di Lawrence (che peraltro è stato condannato per false accuse: aveva detto che Lawrence stava sparando, non che stava scopando. Sennò il poliziotto non si sarebbe mosso), la Corte Suprema gli ha spiegato che quell’arresto era prima di tutto illegale (basta leggersi la premessa della sentenza: “The 25 States with laws prohibiting the conduct referenced in Bowers (la sentenza di 17 anni fa) are reduced now to 13, of which 4 enforce their laws only against homosexual conduct. In those States, including Texas, that still proscribe sodomy (whether for same-sex or heterosexual conduct), there is a pattern of nonenforcement with respect to consenting adults acting in private”) e poi visto che ci siamo anche incostituzionale.

  5. Scusate se mi intrometto nuovamente, ma ho l’impressione che si stia facendo tanto rumore per nulla. Lavoro per il Dipartimento di Stato USA da 16 anni. Ho soggiornato per molto tempo negli USA. Credo di conoscere abbastanza bene America, americani e, soprattutto, l’Amministrazione USA (motivi di lavoro). Posso assicurarvi che oggi il problema della discriminazione gay all’interno di una struttura lavorativa importante come quella che ho citato è letteralmente inesistente. Nel nutritissimo organigramma delle strutture governative USA ci sono diversi gay dichiarati che, oltre a non subire alcun tipo di discriminazione, occupano posti chiave e non subiscono alcuna preclusione alla carriera. Ormai è un fatto culturale accettato da tutti: non importa un fico secco quale sia l’orientamento sessuale del collega, del superiore o del sottoposto. Crea più problemi essere dei rompipalle, per esempio. Evidentemente nella quotidianità della vita sociale americana le cose cambiano più velocemente rispetto alle obsolete leggi inapplicate e alle chiacchiere dei media.

  6. Articolo del Foglio? Qualcuno qui ha mai parlato di un articolo del Foglio? Hello? Io ho parlato solo di due post su Camillo. Christian, read my lips: Il. Foglio. Non. Lo. Leggo. Mai. E decisamente non sento il bisogno di iniziare ora.
    Ora basta, però. Mi arrendo all’evidenza. Di Rocca finora avevo letto solo su altri blog. Mi mancava ancora la sconcertante esperienza di averci a che fare direttamente. Forse è un rito di passaggio. Discutere con lui non è come gridare contro un muro, è molto peggio. Un po’ come urlare dentro a un registratore scassato che ti restituisce in loop solo la tua voce distorta.
    Leonardo, Carlo di Brodo Primordiale: se per vostra sfortuna vi capita di leggere questa delirante escalation di cui anch’io mi prendo la mia parte di colpa, voglio che almeno sappiate una cosa. Avete tutta la mia comprensione e solidarietà.
    E soprattutto: Gianluca, scusami.
    I had no idea.

  7. Io ci sto lavorando negli USA,e dire che non esiste alcun tipo di discriminazione e`una balla.
    Non si potrebbe,ma si fa. Mi spiego,se stai sulle palle al tuo capo perche`sei portoricano,non potrebbe licenziarti per quello,ma lo fa e basta.E`una societa`multietnica dove pero`i presidenti sono sempre stati WASP (tranne uno,poi assassinato),potrei andare avanti ma sarebbe noioso e potrebbe sembrare che io abbia un`idea completamente negativa dell`america. E non e`cosi`.Saluti

  8. ehi colonnino. Quel post che tu hai letto (e non capito) è un articolo per Il Foglio. C’è scritto. Come ormai è evidente a tutti, sei uno che legge ma non capisce.

  9. Scusa Christian, ma mi sembra che quello che abbia torto sei tu. Innanzitutto quello che é evidente a tutti é che hai sciacciato una merda e non lo vuoi ammettere. Tu prendi una notizia non troppo edificante (una legge é stata abolita in ritardissimo rispetto al mondo civile) e ne fai una bandiera per dimostrare la liberalitá del Texas. Noi ti si fa gentilmente notare che, se magari la abolivano qualche decennio fa era meglio. Tu rispondi stizzito che noi di diritto anglosassone non ne capiamo un cazzo, che tanto quella legge non veniva applicata ed era solo folklore. Noi ti si fa notare che allora, perché scaldarsi tanto e spendere tanta retorica (era questo il punto iniziale: la retorica) per una legge che tanto era come se giá non esisteva. Punto. Tutto qui.
    Guarda, per tua maggiore chiarezza di faccio un altro esempio. Nel tuo famoso post (si, quello scritto per Il Foglio, contento?) porti come ennesima prova della liberalitá americana il fatto che la corte suprema ha annullato una condanna a morte. Guardate, dici tu, che paese!!! Che libertá!!!. A noi viene peró abbastanza naturale farti osservare: e tutti quegli altri che sulla sedia elettrica ci finiscono lo stesso? Una sentenza annullata contro decine di eseguite. Scusa, ma a me i conti non tornano. Non sto dicendo che non puoi essere felice e contento per quella sentenza; anzi, ci mancherebbe. Ma non la puoi sbandierare come esempio di liberalitá senza aspettarti qualche obiezione.
    Avresti tanti esempi da citare per dimostrare la liberalitá degli USA. Ma tu sei capace di scegliere quelli in assoluto piú sbagliati. Non te la puoi prendere poi, con chi te lo fa notare.

  10. ho provato già due volte a frenare il non senso di questa discussione e noto che l’unica riflessione che se ne può trarre e che bloggers e omosessuali italiani hanno la coda di paglia più grande del mondo e che la permalosità gli ottenebra anche le più elementari capacità come quella di leggere e capire cosa si sta leggendo (per non parlare dell’assoluto oblio delle regole di buona educazione: non si dice “non hai capito” è più gentile un “non mi sono spiegato”)

  11. fioricet buy online also buy fioricet buy online also cialis buy online also
    buy cialisbuy online also cialis buy online also
    buy cialis buy online also cialis buy online also buy cialis
    buy online also levitrabuy online also buy levitra buy online also
    levitra buy online also buy levitra fioricet buy online also
    fioricet butalbital buy online also buy fioricet also hydrocodone vicodine
    buy hydrocodone vicodine buy online also vicodin buy online also
    buy vicodin buy online also hydrocodone buy online also buy hydrocodone buy online also
    vicodin buy online also buy vicodin
    paxil buy online also buy paxil buy online also ultram buy online also
    tramadol buy online also tramadol ultram buy online also buy tramadol buy online also
    buy ultram buy online also zoloft buy online also buy zoloft

  12. check this online play bingo online check this online play online bingo check this online craps check this online craps online check this online online craps check this online play online craps check this online play craps online check this online blackjack check this online blackjack online check this online online blackjack check this online play blackjack online play now
    also play online blackjack
    check this online poker check this online poker online check this online play poker online check this online play online poker check this online game poker check this online poker party check this online poker free check this online play poker check this online internet poker check this online free online poker check this online pacific poker check this online free poker game check this online texas hold em poker play now
    also texas holdem poker play
    now also empire poker check this online
    online poker game check this online
    paradise poker check this online video poker game check this online online strip poker check this online
    gambling poker check this online online video poker check this online
    play poker online check this online
    free online poker game
    check this online online poker room
    check this online caribbean poker
    check this online poker site check this online
    online casino poker play now
    also poker sites check this online poker tips check this online roulette check this online roulette online check this online online roulette check this online play roulette online play now
    also play online roulette
    check this online casino roulette
    check this online russian roulette
    check this online play roulette play
    now also free roulette play now
    also roulette downloads play
    now also roulette gambling play
    now also black jack roulette
    check this online roulette tip play now
    also free roulette game play
    now also casino online
    roulette check this online internet
    roulette check this online free
    online roulette check this online roulette casino game play now
    also online roulette game
    check this online roulette
    craps black jack check this online online roulette poker play now
    also online roulette
    gambling check this online black jack roulette poker
    check this online keno check this online keno online check this online online keno check this online keno casino check this online play online keno check this online play keno online check this online free keno check this online keno game for free check this online
    keno game check this online play keno check this online free online keno check this online play keno online check this online keno strategy check this online internet keno check this online play keno for free check this online
    free keno game online play
    now also craps check this online craps online check this online online craps check this online play craps online check this online play online craps play

  13. internet casino play now also casino game play now also las vegas casino play now also casino gambling play now also free casino game play now also virtual casino play now also free casino play now also casino gaming play now also free online casino play now also
    indian casino play now also pechanga casino play now also best online casino play now also
    online casino game play now
    also online casino
    gambling play now also web casino
    play now also free online
    casino game play now also casino black jack play now also reno casino play now also casino poker play now also casino slot free play now also casino on net play now also online casinos play now also internet casinos play now also casinos game play now also las vegas casinos play now also casinos gambling play now also free casinos game play now also virtual casinos play now also free casinos play now also casinos gaming play now also free online casinos play now
    also indian casinos play now also
    pechanga casinos play now also
    best online casinos play now
    also online casinos game play
    now also online casinos
    gambling play now also web
    casinos play now also free online casinos game
    play now also casinos black
    jack play now also reno casinos
    play now also casinos poker play
    now also casinos slot free play
    now also casino web sites play
    now also casino games play now also
    play casino online play now
    also play casinos online play
    now also internet casinos play
    now also best casinos online
    play now also best online
    casinos play now also top
    casinos online play now also top online casinos play now also
    top internet casinos play
    now also best casino bonuses
    play now also casino
    affiliate programs play now also european casinos play now also british pounds casinos play
    now also euro casinos play now also
    japanese language
    casinos play now also french language casinos play
    now also korean language
    casinos play now also german language casinos play
    now also spanish language
    casinos play now also chinese language casinos
    play now also russian
    language casinos play now also turkish language casinos
    play now also portugese
    language casinos play now also italian language casinos
    play now also greek language
    casinos play now also bingo play now
    also bingo online play now also online bingo

Rispondi