Provaci ancora Giulio

Ci ha provato, ma per una volta tanto pare che nemmeno i suoi fossero troppo convinti. L’onorevole Tremonti, dopo aver cercato di vendere fumo ai lavoratori sotto forma di ribasso di punti percentuali sull’IRPEF è stato scoperto con le mani nel sacco. Il diessino Benvenuto, carte alla mano, ha fatto notare ai colleghi della Commissione Finanze che la presunta diminuzione di imposizione fiscale si compensa invece con un maggior salasso ai danni del TFR. In poche parole al dipendente si darebbe l’illusione di un minor prelievo fiscale, salvo poi trattenute sul Trattamento di Fine Rapporto che sarebbero aumentate da quest’anno fino al 20%. Ma mentre il nostro si è premurato di sbandierare notiziole tipo “cala l’imposizione fiscale”, ha dimenticato di aggiungere “ma tanto ve la mettiamo in quel posto comunque”. E così la Commissione Finanze, con voto unanime di opposizione e maggioranza, ieri ha dato il via libera alla proposta di Benvenuto di annullare quell’aggravio fiscale. Ma la parola finale ora spetta all’aula. E il prode Giulio, promette già battaglia. Ora non so a voi che effetto faccia la notizia. Mia madre, che quest’anno va in pensione, per questo giochetto avrebbe regalato al “ministro” qualcosa come 2.500/3.000 Euro. Come dire sarebbe potuta andare in pensione un anno prima prendendo magari anche di più. E allora questo chiedo a quella sinistra un po’ dormiente e sempre troppo litigante: lasciate stare attacchi personali, liti da stadio, dispettucci da comari. Niente più “sono io il meglio, il capo lo faccio io, sono l’unico a poter comandare”. Cominciate per cortesia a fare gli interessi di quella popolazione che vorrebbe votarvi non come “unica alternativa possibile”. Cominciate a guadagnarvi la fiducia di cittadini che non sanno niente di quello che sta succedendo alle loro spalle, nelle loro tasche. L’onorevole Benvenuto l’ha fatto. Da parte mia (e di mia madre) un grazie, sincero.

(Visited 4 times, 1 visits today)

10 Comments

  1. basta politica, vi prego….
    godiamoci la vita, tanto se ne strasbatteranno sempre di noi, destra e sinistra…
    sembra qualunquista, ma è la pura verità; pensiamo a vivere bene senza farci venire l’ulcera con discussdioni inutili

  2. Ugo, POLITICA? A casa mia quelli si chiamano soldi. E senza, godersi la vita potrebbe risultare un po’ ostico. Ma magari sono io che sono pignola eh.

  3. Ah quando gli argomenti finiscono passiamo alla tattica “tanto so’ tutti uguali, pensamo ai cazzi nostri”?
    De gregori diceva:
    “E poi ti dicono “Tutti sono uguali,
    tutti rubano alla stessa maniera”.
    Ma è solo un modo per convincerti
    a restare chiuso dentro casa quando viene la sera.”, una volta questo genere di ragionamenti si scomodava per i “grandi temi” della politica, la difesa della libertà, dell’uguaglianza dei cittadini, del rispetto della costituzione, adesso invece vengon fuori sulle trattenute fiscali del Tfr.
    Che tristezza.

  4. certo che qui la tolleranza regna incontrastata…. ho espresso una mia opinione, non siete d’accordo ok…. ma DanielaK nun nominà alberto perchè non sei degna, anzi ti sei resa patetica, almeno per il rispetto di un defunto…. ma tu sarai uno di quei geni di sinistra che guardano i film di moretti…….

    ps non siete stanchi di cambiare il mondo così spesso? riposatevi ogni tanto
    pps ….il sesso fa bene!!!!

  5. Cacchio, Soshee, 50/60.000 euro di liquidazione…..mica male.
    Porta i miei complimenti a tua madre.

  6. Aggiungo che, nella peggiore delle ipotesi, il maggior prelievo fiscale sul Tfr non avrebbe comunque superato i 500 euro.

Rispondi