Me la canto e me la sòno

In questo momento, alla vigilia della mia trasformazione in splendido quarantenne (per ora sono un cesso trentanovenne), mi rendo conto di urlare ai miei amici con meno chilometraggio di vita alle spalle quello che mi urlavano mammà e papà quando ero piccino picciò: “Non capisco tutto ‘sto rumore…ma come fate, voi gggiovani, a chiamarlo musica?”. Così, ho deciso che, per adesso, io, la mia band me la faccio da solo. E invito gli altri a fare altrettanto. In attesa di ricevere lezioni di techno, trance, dance, trip-hop e hula-hop da qualche ‘gggiovane‘ d’oggi. Sì, la mia banda suona il brock.

(Visited 5 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. Non ci speravo più!!! Qurantenni siciliani su blog., e di un certo spessore.
    Da non credersi.
    Ti leggerò e complimenti

  2. scusa ma perchè non mettete la fonte?
    neural.it
    20/05
    comunque grazie per la segnalazione visto che l’ho letto prima qua

  3. Risposta collettiva: Amélie, a quale libro alludi? Non l’ho capito, trattavasi di un messaggio subliminale? Flavia: Siciliani? No, sono romano e vivo a Milano, ma adoro cassate, sfinciuni, cannoli e pasta alla Norma. Baciamo le mani. Rocco: scusa tanto, su “Tom” mettiamo sempre la fonte. Essendo una delle prime volte che posto qui, non sapevo bene come regolarmi. Quindi è stato un errore ‘tecnico’, non doloso. Chiedo venia e ti ringrazio della giusta e dovuta segnalazione di http://www.neural.it. Grazie a tutti e un abbraccio collettivo. Virile, neh.

Rispondi