Una, del resto, non può accavallare le cosce per tutta la vita

Qualcuno ha pagato trecentomila euro per trasbordare sulla riviera una raggrinzita ex attricetta sexy che è venuta a recitarci la poesiola a memoria e a dare ispirati consigli tipo “abbottonatevi il paltò se fa freddo” (detto da una che si scorda di indossare le mutande) quando in gara c’era questo:

A STORIA ‘E NISCIUNO(Nino D’Angelo)
Io song figlio a’ ‘o mare,
nato int’ ‘a terra ‘e nisciuno
addò se campa ‘e famma e sete
tengo ddoie mane e sette dete
tre l’aggio perze pe’ sparà
Ero guaglione a vint’anne
tutto pe’ colpa ‘ell’ignoranza
mettetto incinta Maddalena
una puttana del quartiere
e m’ ‘a facetteno spusà
Tenive ‘o mare, pe ghì a parlà ogni sera
tenive ‘o mare, e ‘o mare te steva a sentì
tenive ‘o mare, ‘o mare p’alluccà cchiù forte
tenive ‘o mare, ‘o mare pe’ fuì d’ ‘a morte

Disoccupato per mestiere
ma me piaceva ‘e fa carriera
currenno appriesso a ‘na buscia
me so truvato nmiez’a via
cu ‘e senza legge e l’omertà.
E aggiu visto ‘a galera
la’ dint’ ‘a notte è cchiù nera
è stata ‘na combinazione
detto duie schiaffe a nu buffone
e fuie mpruvvisamente ‘o rre
Io sono figlio del mare
nato nella terra di nessuno
dove si vive di fame e sete
ho due mani e sette dita
tre le ho perse per sparare
Ero ragazzo a vent’anni
tutto per colpa dell’ignoranza
misi incinta Maddalena
una puttana del quartiere
e me la fecero sposare
Avevi il mare per andare a parlare ogni sera,
avevi il mare e il mare ti stava a sentire,
avevi il mare, il mare per urlare più forte
avevi il mare, il mare per fuggire dalla morte

Disoccupato per mestiere
ma mi piaceva far carriera
correndo dietro una bugia
mi sono trovato in mezzo alla strada
coi fuorilegge e l’omertà
E ho visto la galera
lì dentro la notte è più nera
è stata una combinazione
diedi due schiaffi ad un buffone
e fui improvvisamente un re

Ma che succede vide che succede
‘A gente canta sott’ ‘o stesso cielo
Ma che succede vide che succede
I’ sto cagnanno e tu si’ cchiù sincera
Tenive ‘o mare, pe ghì a parlà ogni sera
tenive ‘o mare, e ‘o mare te steva a sentì
tenive ‘o mare, ‘o mare p’alluccà cchiù forte
tenive ‘o mare, ‘o mare pe’ fuì d’ ‘a morte

Mo’ cu’ sei figli e tre mugliere
vaco fuienno iuorno e sera
cantato ‘a chi nun canta maie
lassate sulo a guardà ‘e guaie
a nun penzà pe’ nun capì
E mo’ me trovo vecchio e stanco
dint’a sta vita vacanta
sulo a campà chino e’ penziere
ca nun me ponno purtà areto
e ‘o mare ca nun è cchiu ‘o mio
Tenive ‘o mare, pe ghì a parlà ogni sera
tenive ‘o mare, e ‘o mare te steva a sentì
tenive ‘o mare, ‘o mare p’alluccà cchiù forte
tenive ‘o mare, ‘o mare pe’ fuì d’ ‘a morte

Va, nun guardà a me
tienete stritto ‘o mare
nun fa comm’ ‘a me
sient’ ‘a coscienza
‘e chi ha perduto ‘a sempe
e s’è bruciato ‘a vita
pe’ sunnà ‘e fa ‘o rre
Ma che succede, guarda che succede
La gente canta sotto lo stesso cielo
Ma che succede, guarda che succede
Io sto cantando e tu sei più sincera
Avevi il mare per andare a parlare ogni sera
avevi il mare e il mare ti stava a sentire
avevi il mare, il mare per urlare più forte
avevi il mare, il mare per fuggire dalla morte

Ora con sei figli e tre mogli
vado fuggendo giorno e sera
cantato da chi non canta mai
lasciato solo a guardare i guai
a non pensare per non capire
E ora mi trovo vecchio e stanco
in questa vita vacante
solo a vivere pieno di pensieri
che non possono portarmi indietro
e al mare che non è più il mio
Avevi il mare per andare a parlare ogni sera
avevi il mare e il mare ti stava a sentire
avevi il mare, il mare per urlare più forte
avevi il mare, il mare per fuggire dalla morte

Và, non guardarmi
tieniti stretto il mare
non fare come me
senti la coscienza
di chi ha perduto da sempre
e si è bruciato la vita
per sognare di fare il re
(Visited 25 times, 1 visits today)

5 Comments

  1. 3o rigo: famme
    5o rigo: perse
    8o rigo: mettett’ (mettetti)
    10o rigo: facettero
    11o rigo: tenive (errore di battitura, credo)
    17o rigo: bucia
    ;)

  2. Caro Nino, sia l’errore in “Yenive” che tutti gli altri sono contenuti nel testo riportato da quella che è considerata la Bibbia in fatto di brani musicali, ovvero TV Sorrisi e Canzoni. O, per lo meno: era la Bibbia cui ho creduto fino ad oggi.

  3. Indipendentemente dal fatto che non ho visto il festival ma solo il dopofestival e non ho potuto sentire la canzone al festival, l’ho sentita successivamente, voglio fare i miei complimenti a Nino per il testo e la canzone che sono veramente pieni di contenuti VERI, trasmettono sensazioni che soltanto chi ha vissuto può provare. Semplicemente un grazie per aver scritto una canzone vera “italiana”.
    Ezio
    Radio Blitz Torino

  4. In ogni caso, caro Nino, mi confermano che “buscia” è corretto. Così come tutti gli altri errori che hai segnalato (a parte “Yenive”). Non chiedermi perché: non sono la persona adatta per rispondere. Probabilmente hai torto. O, se hai ragione, trattasi di licenze poetiche.

Rispondi