Volevo salutare (uomonero)

Cari amici di Splinder,
non avrei mai immaginato di scrivere questo post nell’HP di Splinder, se non continuare a segnalare nuove storie, tools da consigliare, intervistare altri blogger e così via.
Non ho parole per esprimere il mio dispiacere, ma devo purtroppo congedarmi dalla “grande avventura Splinder”. Non tenterò di scusarmi per tutte quelle volte che non sono riuscito ad accontentare le vostre richieste, so che non mi perdonerete mai


Già l’ho salutato, ma mi sembrava poco. Non so perchè se n’è andato, ma spero che torni presto. Non vorrei apparire esagerato se dico che un po’ la mia vita è cambiata grazie a Splinder. E non vorrei fare la fine di chi ha scritto sulla morte di Agnelli (anche perchè fortunatamente l’occasione non è così nefasta). Un semplice mezzo che mi ha permesso di liberare creatività come non mai prima. Ed ogni giorno leggo blog interessantissimi per contenuti e link, scritti bene e molto più utili di tutta quella mole di informazione che proviene da web, tv e giornali. Il panorama italiano dei blog attuale è merito di Splinder e Uomonero che hanno portato l’idea in Italia e ci hanno creduto. E spero che continui a crescere!

(Visited 2 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. Concordo sul fatto che i blog siano proprio stati di aiuto per liberare la creatività e a diffondere un informazione libera. In fondo, dopo ogni post ogni blogger sente di stare meglio, sente che qualcosa è cambiato. E’ l’inizio di una nuova era culturale, credo, e scusatemi l’esagerazione.

  2. Di persona non ci ho mai interagito, ma ne colgo la portata, la sagoma (nera, of course). Un augurio per tutti i progetti futuri.

Rispondi