Anche le coincidenze, nel loro piccolo, hanno un che di bastardo

Anni, fa, nel corso di una discussione con alcuni amici, mi scappò un’affermazione impegnativa: “Biognerebbe sempre volare con SwissAir: non gli è mai caduto un aereo”. A parte il fatto che, dopo la scena all’aeroporto di Rain Man avrei dovuto sapere che, per la legge dei grandi numeri, le compagnie che non hanno mai avuto incidenti sono quelle che hanno la maggiore probabilità di essere vittime del prossimo; sta di fatto che la stessa sera, appena rientrato in casa, accesi il telegiornale sulle immagini di una sciagura aerea. E, no, non sto neanche a specificarvelo che il velivolo, ovviamente, apparteneva alla Swiss Air. Per questo motivo tutta la mia solidarietà va a Paolo Attivissimo ed Enrico. Ieri, nel primo pomeriggio, mentre spluciavo le notizie dell’United Blogzine of WWW, mi è caduto l’occhio su quella inviata da Enrico, secondo la quale la NASA aveva deciso di dotare di un proprio indirizzo internet tutti i propri satelliti e le navi spaziali. Francamente, lo devo dire, ho pensato ad uno scherzo; perché, poco più in alto, un lancio riportava testuale: “Lo Shuttle esplode al rientro”. E non è finita qui: Enrico aveva sì inviato la prima notizia ma, con in testa due-tre argomenti e indeciso su quale di questi intervenire, aveva cercato ispirazione nell’ultima Newsletter di Paolo Attivissimo, giuntagli via e-mail la sera prima. Attivissimo, a seguito dei tragici eventi, ha inviato ai propri lettori un nuovo messaggio di scuse per le – suo malgrado – infauste frasi inviate attraverso la newsletter, dedicate alla sperimentazione dei protocolli Internet a bordo della navetta: “non fatevi venire il panico pensando che qualche aggressore possa prendere il controllo dello Shuttle e farvelo cadere in testa”. Poche ore dopo il Columbia si disintegrava sopra il Texas.

(Visited 2 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. e comunque, la legge dei grandi numeri come la formula gianluca è la regina delle minchiate scientifiche – nel senso che è la classica cosa che chi non sa una beneamata mazza di matematica spaccia per vera come se niente fosse. il tuo ragionamento è lo stesso alla base della teoria dei ritardi al lotto: secondo gli “esperti” (esperti di che?) se un numero non esce su una ruota da 1793 settimane, e un altro invece è uscito la settimana prima, il primo avrebbe piú possibilità di essere (finalmente) estratto. il che non è assolutamente vero, sia su base teorica sia alla luce di (innumerevoli) dimostrazioni empiriche. corrono tempi bui per la scienza!

  2. Delio ha ragione: in realtà, in parole, povere, la legge dei grandi numeri (che si divide in debole e forte) dice che con il crescere della ripetizione di un particolare evento (ad esempio il numero di estrazioni del lotto) l’uscita di una particolare combinazione (ad esempio, l’uscita del 90 sulla ruota di Milano) si avvicina progressivamente alla probabilità teorica, raggiunta soltanto ripetendo il numero di prove all’infinito. Quindi: col passare delle estrazioni, le possibilità che esca il 90 sulla ruota di Milano si avvicinano gradualmente ad essere una su 90 (e non, come spesso si crede, che *esca* il 90).

  3. Bah! Secondo me è un errore di software … magari usavano il win xp … lo diceva anche la sua pubblicità (nefasta peraltro e poi ritirata a seguito del crollo delle due torri) … diceva I CAN FLY! O You can fly ora non mi ricordo bene vado a memoria … in memoria … insomma … c’ è davvero da “toccarsi le santissime sfere della riproduzione” … tanta tecnologia … tanta sicurezza della propria “supremazia” tecnologica … si insomma Tocchiamoci tutti … perchè ne sento un gran bisogno particolare in questo momento storico che segna l’alba di un nuovo conflitto … in cui la supremazia e la sicurezza di chi poi si rivela sbagliare alla luce dei fatti … beh, diciamocelo … mette una gran paura su cosa ci aspetti nel n.s. prossimo futuro e sotto il profilo della pace e sotto il profilo eco-ambientale … mala tempora currunt, diceva un antico adagio ( che era noto proprio per la sua saggezza, perchè andava adagio) … cadono le stelle …

Rispondi