Occazzo…

Steve JobsSi, anche io ho seguito la diretta web nella quale Steve Jobs, dal MacWorld di San Francisco, ha presentato KeyNote (il futuro diretto – e, purtroppo, perdente – concorrente del terrificante Power Point di Microsoft), un portatile dotato di schermo grandissimo (17 pollici) e uno di uno schermo piccolissimo, che avevano entrambi un sacco di pregi e novità, ma il solito difetto: il sistema operativo. Giù dal palco, folla osannante che sibilava “Ooooohhh!” a qualsiasi affermazione ad effetto del fondatore della mela: “Questo portatile ve lo metto a 2999 $!”, “Ooooohhhh!”; “Inizieremo a venderlo fra due settimane!”, “Ooooohhhhh!”; “Stasera ho voglia di trombarmi vostra sorella!”, “Oohhhhhhh!”. A Jobs e ai sui accoliti, evidentemente, dover star dietro alle paturnie e i diversi standard di due programmi di navigazione scadenti per poter confezionare un sito per lo meno presentabile, dev’essere sembrato poco. Ed Apple ha così deciso di scartare la vera sopresa di quest’anno: Safari, un nuovo browser. Ci mancava. Lo utilizzerà, se va bene, il 3% dei navigatori, che in questo modo sentono ricrescere, affrancata e orgogliosa, la fede nella chiesa della Mela. Mentre, invece, in qualsiasi agenzia di produzione siti, avranno luogo simpatici siparietti come quello che vado a descrivere: “Capo, il sito del cliente non si vede utilizzando Safari, il browser di Apple. “Quanti sono gli utenti che lo utilizzano?” “Beh, credo intorno al 3/4%”. “E allora a noi checcazzocenefrega?”. Leggo, dal sito ufficiale, la lista delle mirabili e portentose novità introdotte attraverso Safari: Ricerca su Google integrata: Inserire un collegamento al motore di ricerca Google nella propria barra degli strumenti è praticamente un “must”. Safari va oltre, integrando un campo di ricerca integrata su Google accanto allo spazio per l’indirizzo web”. Un’ideona, insomma, che da oltre un anno è scaricabile gratuitamente e installabile da tutti cliccando qui. Perla finale: “L’innovativa tecnologia SnapBack, un po’ come le briciole nelle favole, vi riporterà proprio dove avete iniziato. Per natura, il Web tende a condurvi senza sosta da una pagina all’altra, e prima ancora di rendervene conto potreste scoprirvi decisamente fuori strada. Il pulsante SnapBack vi condurrà nuovamente al punto in cui avete digitato un indirizzo o selezionato un preferito per l’ultima volta”. Ragazzi, è ufficiale: Apple ha inventato il tasto “Back“. Ooooohhhhh!

(Visited 4 times, 1 visits today)

21 Comments

  1. da uno che ha appena comprato un ipod…
    :)
    l’unica nostra speranza e’ che il buon jobs sia raeliano e si cloni presto… vuoi mettere un mondo pieno di jobs e privo di gates?

  2. La vittoria è vicina: dopo anni in cui le nostre vocine acide attaccavano invano Microsoft e i PC, ecco finalmente delle vocione acide contro Apple. Paura, eh? Siete allo sbando. Tremate. Dal 3 al 4 per cento è un attimo, e allora vedrete, ah, eccome se vedrete!

  3. no, Apple DOVEVA avere un browser proprietario, perchè pur in versione beta è il browser piu veloce che abbia provato (sono uno switcher da un anno e mezzo), e soprattutto perchè è orientato a supportare tutti gli standards web. finchè ragioniamo in “percentuali di utilizzo”, allora useremo solo gli standards che si inventa Microsoft, e mi sempra poco Macchianera: sarebbe bello poter scegliere il browser che preferiamo senza preoccuparci del fatto che alcune pagine si vedano e altre no, o no? inoltre jobs ha fatto anche un’importante apertura al mondo open-source (spero non per mangiarselo), annunciando il rilascio di X11 per OS X. mi fermo qui che divento palloso se no, cribbio! ;-)

  4. Cito: “Un’ideona, insomma, che da oltre un anno è scaricabile gratuitamente e installabile da tutti cliccando qui.”

    Ma ci sei o ci fai? Stiamo parlando di Apple non di Windows! Certo che l’idea non è originale, ci mancherebbe: ma “semplicemente” non esisteva per Mac!

    E il tasto SnapBack NON è il tasto Back. Magari serve a poco, certo è una questione di gusti, ma NON è il tasto Back.

    Quanto poi al fatto che esista ancora un altro browser, basterebbe che gli sviluppatori di siti si attenessero agli standard (che esistono eccome) invece che andar dietro ciecamente alla “maggioranza degli utenti” perché le cose funzionino senza problemi per tutti…

  5. ricordo male o il 30% di Apple è in mano a Bill Gates? che per fare un “favore” al suo vecchio amico hacker Jobs (in ricordo dei bei vecchi tempi passati insieme all’Homebrew Computer Club) ha rilevato tale quota nei momenti di magra di Apple??

  6. Scusa Gianluca, ma sul fatto della visualizzazione da parte del 3-4% sei stato un pò affrettato. Il problema lo ha posto con esattezza Furjo: se gli sviluppatori progettassero con in mente gli standard W3C invece di esporre ancora cartellini Best viewed with che cazzo ne so, tutto si risolverebbe. Apple dichiara una perfetta aderenza a tali standard e non ho motivo per non crederci. La cosa grave è un’altra: vado per scaricare e vedo che è buono solo per Jaguar, ma veglio con la 10.2.3. Devo dire che è una politica di updating forzato ad un un nuovo SO che forse nemmeno Microsoft ha mai attuato. Delusione e tanti saluti a safari, perchè di installare Jaguar non ne sento ancora proprio il bisogno.

  7. a me mi pare che cappelliate alquanto;
    cito testuale: “For its Web page rendering engine, Safari draws on software from the Konqueror open source project. Weighing in at less than one tenth the size of another open source renderer, Konqueror helps Safari stay lean and responsive. And of course, being a good open source citizen, Apple shares its enhancements with the Konqueror open source community.”
    ovvero: vabbene che il mio stentato inglese non mi permette di capire appieno quello che c’è scritto, ma che il motore di safari sia konqueror mi pare chiaro.
    onderpercui: safari è *solo* un paciugamento di konqueror, come OSX è uno spippolamento di DSB.

  8. LA Microsoft ha una quota non meglio specificata (il 5% mi pare) di Apple, comprata anni fa come complemento a un accordo che imponeva a Apple di installare explorer sui suoi computer, e a Microsoft di continuare a produrre Office per Mac.
    Quindi non è una storia di amiconi, ma semplicemente un business (sono gli USA, non la peracottara Italia).
    Safari in effetti è un enhancement di Konqueror, con interfaccia Aqua del quale beneficeranno, gratis, sia gli utenti Apple che gli utenti Konqueror. Non mi pare male :)

  9. ok ricordavo male!! grazie per la precisazione Sir Action!
    certo che sono gli USA infatti facevo riferimento all’HCC con ironia, visto che il caro Bill, proprio in quel periodo, con una bella lettera ai soci del club li avvertiva che lui programmava per soldi e non per vedersi sharati i suoi programmi copiati su floppy!! aveva le idee chiare già negli anni ’70!!

  10. Riguardo allo scopiazzamenti da parte di Apple di Konqueror e di BSD….bhe riguardo al primo punto dovresti dirlo ai programmatori di Konqueror che sul loro sito e sulla mailing list sono come bambini davanti ad un negozio di caramelle per il fatto che Apple ha reso open source (come era doveroso) le notevoli migliorie apportate al motore di Konqueror….Sul fatto che X è uno scopiazzamento di BSD…bhe questa è una bufala che chi non conosce X a fondo dice facilmente…X è basato su un microkernel a sua volta basato su Mach, e BSD è solo una delle VM che ci girano sopra…in quanto questo questo è appunto lo scopo di un microkernel…Mac OS X è attulamente il sistema operativo veramente più innovativo presente sulla scena…peccato che non sia supportato ancora a sufficienza dai processori motorola che stanno tossicchiando parecchio…
    Ciao

  11. Le indagine statistiche parlano chiaro: noi utenti mac siamo piu’ intelligenti e piu’ belli. Quella di voi altri non e’ che invidia :))

  12. >Le indagine statistiche parlano chiaro: noi utenti mac siamo piu’ intelligenti e piu’ belli. Quella di voi altri non e’ che invidia :))
    sicuramente più bellE: piace tanto alle donne macrobiotiche

  13. Io non ci trovo niente di male se 30 milioni di persone decidono di usare un computer diverso dai Pc. Un computer che se te lo porti a casa puoi anche metterlo in salotto (arreda) e non hai bisogno di nasconderlo dietro un tavolo perché fa tanto ufficio.
    Poi, se Apple non è abbastanza “open source” per i gusti di qualcuno (nonostante abbia costantemente innovato questo mercato per venti anni), perché non diamo un’occhiata a Red Hat? …

  14. Nel giorno in cui chiudessero Apple io tornerei alla Olivetti. Andò proprio così: nel 1994 mi regalarono il mio primo computer normale (con Window) e non lo usai mai. Poi mi regalarono un Macintosh Performa e per me iniziò una nuova vita. Ogni tanto è bello avere delle opinioni che non concedono sfumature nè distinguò nè niente altro. La vita, talvolta, è semplice: c’è chi usa Macintosh e chi non lo usa. E io per quest’ultimi provo un incredulo, inconsolabile dispiacere. Una vera, autentica pena. Vorrei fare qualcosa per loro.

  15. Bellissima questa cosa del computer che si può mettere in salotto, perchè tanto “arreda”. Mi sembra che Camilla Cederna raccontasse di Giovanni Leone che comprava i libri “a metro”, perchè tanto arredano. Sono passati pochi anni e gia siamo al Mac sul centrino (o nella vetrinetta?) e, potenza del wi-fi, prossimamente anche al cesso. Sono queste le cose che ti rendono fiero del progresso tecnologico.

  16. Le azioni Apple (senza diritto di voto) che Microsoft comprò nel 1997 ammontavano a circa 200 milioni di dollari, le stesse azioni sono state vendute nel 2001.
    MacOS X non è una scopiazzatura di BSD, è l’evoluzione di NeXT, uno dei più innovativi OS mai realizzati, chiedete a chi ha programmato per NeXT e chi programma in COCOA (l’ambiente di sviluppo nativo di X) quanto sia rapido!
    NeXT e quindi OS X si basano su BSD, FreeBSD e microkernel Mach.
    Mai mi sarei aspettato in un sito che si chiama Macchianera di sentir parlare male dell’opensource… gli sviluppatori di Konqueror hanno ricevuto un gran bel regalo da Apple! :-)

  17. Di un po’,
    testina di occazzo o come ti chiami… ti rispondo io come meriti…
    Apple non e’ il paradiso ma tu con il tuo fottuto pc, i tuoi virus, i tuoi bugs e tutte le stronzate che ti propina Bill con i suoi windozes scopiazzati da Apple, vieni a rompere le palle a noi?
    Uso Apple da quasi vent’anni e l’unico casino serio (ho perso un mucchio di email) che ho avuto sino ad oggi me lo ha dato Outlook…
    Per cui fottiti e impegnati di piu’ a risolvere i mille problemi del tuo lurido PC invece di sparare cazzate, che noi intanto lavoriamo, produciamo e guadagnamo con il nostro Apple…
    Provalo prima di dire fregnate…

Rispondi