l’InSonia rende nervose

Sonia CassianiAvevo intenzione di mettere un po’ di zizzania tra bloggers, ma Massimo Mantellini mi ha prevenuto, accorgendosi dell’intervento in cui Sonia Cassiani lo definisce presuntuoso, arrogante privo di contenuti che cerca di sfogare la sua insoddisfazione personale, bradipsichico e cerebroleso.

Lo spazio per un paragrafetto Sonia l’ha trovato anche per me, e devo ammettere che mai prima di averlo letto avevo sentito il bisogno di un traduttore simultaneo di idiomi alieni come quello che usano in Star Trek. In realtà, preferisco rimanere ignorante e continuare a pensare che l’“aloofness” sia il principio attivo di un assorbente interno. Riporto testuale, link compresi: “Quando ho letto questa notizia, ho sperato che la vittima fosse Gianluca Neri, l’uomo che occupa le mie fantasie più lascive, invece lui anordchide ci è nato, se poi non ha il sex-appeal di Clooney, l’aloofness di Hugh Grant, non è macho come Benicio del Toro, non è alto (in centimetri, non in metri) come Rocco Siffredi, ed è anche scrofoloso, qualcuna/o, sapendo che ha fatto i milioni con la gnueconomy, sarà pur disposta a soprassedere!”. L’iperattiva Sonia, in realtà, proprio mentre stavo scrivendo questo pezzo, ha aggiunto una postilla, rispondendo a Mantellini: Christian Rocca ad esempio è un vero uomo ed è educato, Luca Sofri è da me stimatissimo , ma tu e Gianluca Neri , facendo di tutto per mettere in ridicolo me, vi comportate da ziette pettegole e malscopate”. Anche se Sonia, evidentemente, ignora la differenza che passa tra l’evirazione e la castrazione, ci costringe all’outing. È vero: io e Mantellini siamo anorchidi. Ma non dalla nascita. Abbiamo ceduto una palla a testa. Lui a Sofri, io a Rocca. Lo dico, così, con molta aloofness.

(Visited 5 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. Non mi ricordo dove, ma sul blog di qualcuno dei blogger italiani più in vista avevo letto qualcosa circa l’enorme differenza tra i forum ed i blog. Sui forum, per chi non lo sapesse, si finisce spesso, tra thread interessanti, in antipatiche e querule discussioni fra utenti che si tirano i capelli e fanno a gara a chi è più arguto.
    Di recente l’unica differenza che trovo tra i forum ed i blog sta nel fatto che, navigando per i secondi, mi tocca fare un sacco di giri saltando di blog in blog per leggere le botte e le risposte dei litiganti. Il che è, oltre che poco divertente, anche meno pratico che se le liti avvenissero in un unico thread di un forum.:D
    Tarr.

  2. Non mi ricordo dove, ma sul blog di qualcuno dei blogger italiani più in vista avevo letto qualcosa circa l’enorme differenza tra i forum ed i blog. Sui forum, per chi non lo sapesse, si finisce spesso, tra thread interessanti, in antipatiche e querule discussioni fra utenti che si tirano i capelli e fanno a gara a chi è più arguto.
    Di recente l’unica differenza che trovo tra i forum ed i blog sta nel fatto che, navigando per i secondi, mi tocca fare un sacco di giri saltando di blog in blog per leggere le botte e le risposte dei litiganti. Il che è, oltre che poco divertente, anche meno pratico che se le liti avvenissero in un unico thread di un forum.:D
    Tarr.

  3. Raga, propongo che vi sfidiate, Neri, Sofri, Rocca e Mantellini, a chi ce l’ha più lungo. La Sonia sarà contenta, Siffredi, forse se la riderà.

Rispondi