Anvedi i fenomeni!

Questo mese, tra i fenomeni insoliti o singolari di cui Focus tratta, ci siamo anche noi: Sofri, Sabelli, Scaccia e il sottoscritto. Alla domanda posta da un lettore “Cos’è un Blog?”, Focus risponde con una spiegazione di base, aggiungendo in coda: Luca Sofri, curatore di un blog intitolato Wittgenstein, lo definisce «un sito personale, a cavallo tra un diario, un articolo di commento e una rassegna stampa, aggiornato quotidianamente o quasi». Secondo il Wall Street Journal «riflette il meglio di Internet: è un mezzo informale per idee informate, anarchico, commercialmente ingenuo e affascinante». Attorno ai blog si creano piccole comunità di appassionati perché ciascun visitatore del sito può scrivere e pubblicare un commento alle notizie che legge. L’Online Journalism Review ha provato a censire i weblogs attivi negli Stati Uniti: sarebbero oltre mezzo milione. In Italia sono già più di mille. Tra i blogger italiani più noti ci sono i giornalisti Pino Scaccia, Gianluca Neri e Claudio Sabelli Fioretti, ex direttore di Cuore e firma del Corriere della Sera. Ma la maggioranza dei blogger sono persone comuni”. Avete presente la foto sul blog di Sonia Cassiani, in cui l’autrice (che si è definita “senza modestia, la prima persona di una qualche notorietà ad avere inaugurato in Italia il fenomeno dei blog” ) è ritratta con un cappello bianco? Bene, non c’è più. Il cappello, intendo: se l’è mangiato. E pare fosse meglio dell’“hors-d’oeuvre a base di mousse di funghi shijtake e scalogno”.

(P.S.: Non subito, ma nutro grandi aspettative sul fatto che prima o poi Sonia trovi dentro di sé la forza per perdonarmi)

(Visited 4 times, 1 visits today)

3 Comments

  1. E cosa succederà il giorno in cui Gasparri e Casini (fra i primi) apriranno anche loro un blog? E magari li citeranno come iniziatori della moda fra i politici? Poi ci sarà quello di Marina Lante della Rovere, quello di Alba Parietti e via dicendo.
    I blog cominciano a ricordarmi l’esplosione di internet, quando tutti volevano salire sul carro del vincitore e poi infatti si è visto….magari faranno diventare blog anche Jumpy e Caltanet. Io, intanto, vendo il mio a un milione di euro; se, per esempio, alla rcs facesse gola… ;)

Rispondi