Chi l’avrebbe mai detto?

Liquid Audio soccombe al peer-to-peer: La società di protezione dei file musicali chiude i battenti. Non è riuscita a reggere la concorrenza di programmi simili distribuiti gratis su internet e il continuo di dilagare dello scambio libero”. – Struggling Net music firm Liquid Audio to dissolve (theStar) – Liquid Audio mulls liquidation (News Interactive) – Liquid Audio: Better off dead? (Slashdot).

Devono anche aver pensato: «Peccato, perché quella di vendere un file audio che dopo qualche giorno si autodistrugge era un’ideona!». A me Liquid Audio ha sempre fatto pensare a quei cessi pubblici, ormai spariti, che la giunta milanese fece installare qualche hanno fa: inserivi le cinquecento lire, e se non te la sbrigavi entro cinque minuti la porta automatica fungeva da sipario per la platea composta da chi saliva le scale della fermata del metrò.

(Visited 5 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Rispondi