Attacco al Grande Fratello

I carabinieri e la vigilanzaI carabinieri e la vigilanza
Clarence sta gonfiando il mini-dirigibile che dovrà sorvolare la testa di Taricone. Il Grande Fratello si allarma e manda a controllare, in ordine: una macchina dell’Italpol, la vigilanza privata; sette pattuglie dei Carabinieri; due emissari della produzione. I Carabinieri ci chiedono “Che ve state a inventà, stavorta?”. E ci lasciano fare. (7 novembre 2000)
Il primo tentativo di incursioneIl primo tentativo di incursione
Due ore di preparazione, e l’avveniristico mini-dirigibile di Clarence è pronto per la missione. In realtà la gigante Big Babol (su cui sono montati una serie di led per vederlo al buio, una telecamera e un braccio in grado di sganciare i volantini) inizia a girare su sè stessa in prossimità del recinto degli studi. (7 novembre 2000)
Il secondo tentativo di incursioneIl secondo tentativo di incursione
Ci riproviamo, ma il risultato è lo stesso: il dirigibile gira vorticosamente a causa del vento, o di un’interferenza di una delle frequenze radio attraverso le quali vengono gestiti gli otto motorini che gestiscono le eliche. I responsabili del Grande Fratello ci guardano dai bordi del recinto, ma tutti ci lasciano fare. Promettiamo che torneremo. (7 novembre 2000)
L'incursione con l'aeroplanino (1)L’incursione con l’aeroplanino (1)
La reazione degli ospiti della casa del Grande Fratello al passaggio dell’aeroplanino di Clarence. Colti di sorpresa mentre stavano cantando, il nostro incursore sorvola il giardino più volte e viene ripreso dalle telecamere di Stream. (9 novembre 2000)
L'incursione con l'aeroplanino (2)L’incursione con l’aeroplanino (2)
I protagonisti del Grande Fratello erano pronti ad una seconda incursione, e infatti l’aeromodello di Clarence torna a sorvolare la casa. Pietro e Salvo progettano di abbattere l’aereo con due bocce e sono bloccati dalle ragazze. Attendono i volantini, ma dopo qualche minuto l’aereo atterra nuovamente. (9 novembre 2000)
Salvo ha contatti con l'esternoSalvo ha contatti con l’esterno
Il secondo scoop di Clarence dopo quello di Roberta e i suoi trascorsi cinematografici. Qualcuno riesce a fare avere un bigliettino a Pietro, sul quale è scritto “La moglie di Salvo odia a morte Marina. Salvo risponde: “L’ha sempre odiata, dal primo giorno”. Come fa a saperlo? (9 novembre 2000)
La seconda incursione (1)La seconda incursione (1)
La telecamera montata sull’aeroplanino di Clarence sorvola gli studi e la casa del Grande Fratello, riprendendo il tutto dall’alto. È buio, ma Cinecittà e il giardino della casa si vedono chiaramente. (17 novembre 2000)
La seconda incursione (2)La seconda incursione (2)
Dai giardini di via Lamaro uno degli emissari di Clarence riprende le evoluzioni dell’aeroplanino sopra la casa del Grande Fratello, il quale risponde attivando gli idranti e tentando di abbatterlo. (17 novembre 2000)
La seconda incursione (3)La seconda incursione (3)
Una nuova ripresa dalla telecamera a bordo dell’aeroplanino, stavolta a raggi infrarossi. Cinecittà, il perimetro degli studi e il giardino della casa sono visibilissimi. (17 novembre 2000)
La seconda incursione (4)La seconda incursione (4)
Gli incursori di Clarence si spostano, e fanno partire l’aeromodello da una strada adiacente a via Lamaro, ancora più vicina alla casa del Grande Fratello. Una telecamera riprende il tutto dal basso.(17 novembre 2000)
Gli idranti sull'areoplaninoIl lancio dei volantini e gli idranti
Come sempre succede quando non è una trasmissione Mediaset a compiere l’incursione, il Grande Fratello sfodera gli idranti. Il temerario aeroplanino di Clarence, sprezzante del pericolo, non rinuncia e riesce a schivare i getti d’acqua e lanciare i volantini. I messaggi di Clarence cadono all’interno del perimetro degli studi, sotto gli occhi degli occupanti della casa: vengono letti dagli autori e provocano l’incazzatura di Jumpy (che ha l’esclusiva della trasmissione) e del Grande Fratello (che invita i ragazzi ad abbandonare il giardino). (17 novembre 2000)
(Visited 15 times, 1 visits today)

2 Comments

Rispondi